Benessereblog Benessere Psicologia Depressione, nessuna prova sulle differenze stagionali

Depressione, nessuna prova sulle differenze stagionali

I sintomi della depressione sono in qualche modo collegati alle stagioni? Ecco cosa emerge da una nuova ricerca.

Depressione, nessuna prova sulle differenze stagionali

Si pensa spesso che la depressione sia in qualche modo collegata alle stagioni, ma secondo quanto emerge da un nuovo studio pubblicato su Clinical Psychological Science e condotto dalla Auburn University, sembra che le cose non stiamo esattamente così. Per analizzare meglio la questione, gli esperti hanno esaminato i dati relativi a un totale di 34,294 partecipanti di età compresa tra 18 e 99 anni. I partecipanti hanno reistrato i loro livelli di depressione, ed i ricercatori hanno ottenuto dati relativi alle stagioni, alla latitudine, e alla quantità di esposizione alla luce solare di ciascun partecipante.

I risultati hanno dimostrato che non vi è alcuna evidenza che i sintomi della depressione possano essere in qualche modo associati alle stagioni, e ciò sarebbe emerso anche analizzando un sottogruppo di 1.754 partecipanti che rientra nei parametri della depressione clinica.

I risultati mettono in dubbio che sia legittimo considerare la depressione maggiore con variazione stagionale come un disturbo psichiatrico. […] Essere depressi durante l’inverno non rappresenta la prova che si è depressi a causa dell’inverno.

spiegano gli autori dello studio, secondo cui tali risultati suggeriscono che la depressione stagionale non sarebbe, a conti fatti, un disturbo tanto frequente quanto si potrebbe comunemente pensare.

via | ScienceDaily

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pleurite: i sintomi da riconoscere subito
Malattie

La pleurite è un’infiammazione della pleura, una sottile membrana che riveste la cavità toracica e i polmoni. I sintomi più comuni sono dolore al petto, che può peggiorare con la tosse o con la respirazione profonda, e difficoltà respiratorie. Altri sintomi possono includere febbre, sudorazione notturna ed affaticamento. La pleurite può essere causata da un’infezione, come la polmonite, o da una malattia autoimmune. Alla comparsa dei primi segnali è opportuno contattare immediatamente il medico.