Benessereblog Salute Malattie Depressione, il cyberbullismo può peggiorarne i sintomi

Depressione, il cyberbullismo può peggiorarne i sintomi

Il cyberbullismo può peggiorare i sintomi di depressione e di disturbo post traumatico: lo ha dimostrato uno studio americano sugli adolescenti.

Depressione, il cyberbullismo può peggiorarne i sintomi

La depressione è un male subdolo e silenzioso, che ti corrode da dentro e che, nei giovani, può essere scatenato o aggravarsi a causa del cyberbullismo. Lo sostiene uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Miami su 50 adolescenti (tra i 13 e i 17 anni) già in cura presso una clinica psichiatrica di New York, che hanno visto la propria condizione aggravarsi proprio in virtù di alcuni atti di bullismo subiti tramite i mezzi tecnologici.

Il cyberbullismo, secondo gli esperi, andrebbe ormai considerato come una componente estremamente rilevante durante le valutazioni effettuate da psicologi o psichiatri volte a fare emergere i traumi o gli abusi subiti durante l’infanzia. Durante lo studio, il 20% dei volontari erano stati vittime di cyberbullismo nei due mesi precedenti all’entrata in clinica, un fattore che per questi adolescenti è stato associato a un disturbo post traumatico da stress più severo così come a più rabbia, depressione e dissociazione fantastica rispetto a coloro che non erano stati bullizzati.

Dove avviene il cyberbullismo? È molto più vicino di quanto non si creda. La metà dei casi si è consumato su Facebook, mentre tra gli altri mezzi per veicolare gli abusi c’erano immagini, video, Instagram e messaggi istantanei. La ricerca ha permesso inoltre ai ricercatori di far emergere altri elementi riguardanti il cyberbullismo: ad esempio, il team ha notato come il tempo trascorso online non fosse direttamente collegato a maggiori episodi di abuso, mentre gli autori sottolineano come gli adolescenti vittima di cyberbullismo avessero segnalato nel proprio questionario più abusi avvenuti durante l’infanzia e fossero più a rischio di essere nuovamente bullizzati in futuro.

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Quali sono le 4 fasi del burnout
Psicologia

Il burnout è una forma di stress da lavoro correlato, che può essere cronica e persistente, una sindrome che attraversa quattro fasi: Entusiasmo idealistico, Stagnazione, Frustrazione, Disimpegno. A lungo andare i sintomi peggiorano e potremmo essere portati a pensare di non essere all’altezza e di voler lasciare quel lavoro che non segue le aspettative che avevamo all’inizio. Alla lunga può rendere la vita un inferno, meglio affidarsi a uno psicologo o uno psicoterapeuta.