Benessereblog Salute Malattie Covid-19, chi è vaccinato e si infetta è meno contagioso

Covid-19, chi è vaccinato e si infetta è meno contagioso

Covid-19, chi è vaccinato e si infetta è meno contagioso

Covid-19, chi è vaccinato potrebbe comunque infettarsi, senza avere però le conseguenze più gravi della malattia. Ma secondo quanto riportato da un recente studio, nei pazienti vaccinati risultati in seguito positivi al coronavirus la contagiosità è decisamente minore. Il vaccino non svolge solo un effetto scudo contro il coronavirus, ma permette di avere una carica virale più bassa quando il virus riesce a contagiare i pazienti.

Uno studio pubblicato su Nature Medicine ha preso in esame il vaccino Pfizer: chi è vaccinato ha una minor infettività se si positivizza dopo il vaccino. Il vaccino è efficace al 95% nel prevenire la malattia sintomatica, all’incirca a partire da 7 giorni dopo la seconda dose. E dopo 12 giorni dalla prima dose garantisce una protezione precoce. Lo studio ha però cercato di capire come agisce nel caso in cui dopo l’immunizzazione la persona dovesse infettarsi con il coronavirus.

Vaccino anti Covid in farmacia? Per Fnomceo serve la supervisione del medico

Covid-19 chi è vaccinato ha un livello di contagiosità minore

Lo studio è stato condotto sui dati dei test positivi a Sars-CoV-2 dopo la vaccinazione contro il coronavirus. La ricerca è stata condotta in Israele, dai ricercatori del Technion – Israel Institute of Technology e del Maccabi Healthcare Services (Mhs).

La carica virale risulta sostanzialmente ridotta per le infezioni che si verificano 12-37 giorni dopo la prima dose di vaccino.

Questo si legge in un estratto della ricerca:

Queste cariche virali ridotte suggeriscono un’infettività potenzialmente inferiore.

Grazie alla minore contagiosità, la diffusione della Covid-19 è minore. I ricercatori poi aggiungono:

Poiché i Paesi stanno correndo per vaccinare una parte sostanziale della loro popolazione nei prossimi mesi, si spera che il numero di riproduzione di base del virus diminuisca. Questo effetto può essere ottenuto riducendo il numero di persone suscettibili, nonché riducendo la carica virale. L’effetto della vaccinazione su questo aspetto, cioè sulla carica virale nelle infezioni post-vaccinazione, è attualmente sconosciuto.

E per questo hanno condotto lo studio in questione.

Foto di Reckmann Tim da Pixabay

Via | Adnkronos

Seguici anche sui canali social