Benessereblog Alimentazione Cos’è l’analfabetismo alimentare

Cos’è l’analfabetismo alimentare

Avete mai sentito parlare di analfabetismo alimentare? Forse non ancora, o non molto spesso, perché è un modo di dire che si sta affermando solo di recente per indicare quella tendenza tutta contemporanea verso l’alimentazione poco consapevole: non sappiamo quasi più riconoscere i cibi salutari, ci affidiamo alla tecnologia acquistando spesso cibi confezionati e trattati […]

Cos’è l’analfabetismo alimentare

Avete mai sentito parlare di analfabetismo alimentare? Forse non ancora, o non molto spesso, perché è un modo di dire che si sta affermando solo di recente per indicare quella tendenza tutta contemporanea verso l’alimentazione poco consapevole: non sappiamo quasi più riconoscere i cibi salutari, ci affidiamo alla tecnologia acquistando spesso cibi confezionati e trattati industrialmente e curiamo poco i processi di preparazione e cottura.

La conseguenza più grave di questo atteggiamento composto da tante piccole cattive abitudini è l’obesità, considerata la vera malattia del nostro tempo, una vera e propria pandemia, preoccupante non solo dal punto di vista della salute individuale ma anche dal punto di vista sociale.

Non ci aiutano nella lotta a questa ignoranza diffusa e pericolosa i governi che spesso trascurano l’educazione alimentare, i mezzi di comunicazione di massa attraverso cui si trasmette un’immagine distorta di diete e cultura fisica, la diffusione di diete sempre più fai da te e sempre meno sotto il controllo di professionisti.

Foto | Flickr

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Cosa deve e non deve mangiare chi ha l’anemia mediterranea
Malattie

Chi ha l’anemia mediterranea, anche in base alla gravità della patologia del sangue, che è ereditaria e può essere trasmessa ai propri figli, deve prestare massima attenzione agli alimenti ricchi di ferro, per evitare accumuli. Il ferro è presente in alimenti di tipo animale e di tipo vegetale, anche se l’assorbimento è maggiore nei primi rispetto ai secondi e varia anche in base alle condizioni di salute di ogni paziente.