Benessereblog Salute Malattie Cos’è la Candida albicans, come si trasmette e che rischi comporta

Cos’è la Candida albicans, come si trasmette e che rischi comporta

La Candida albicans è un fungo saprofita della famiglia dei Saccaromiceti che si trova solitamente nel cavo orale, nel tratto gastrointestinale e nella vagina. Può diventare patogeno causando candidosi.

Cos’è la Candida albicans, come si trasmette e che rischi comporta

Foto | da Flickr di kat masbak

La Candida albicans è un fungo, un lievito solitamente presente nel tratto intestinale, che svolge un ruolo importante come quello della digestione degli zuccheri. Il fungo, però, può diventare improvvisamente patogeno, a causa di problemi come stress, disordini alimentari, farmaci come ad esempio gli antibiotici, malattie che hanno indebolito il nostro sistema immunitario.

La Candidas Abicans potrebbe aumentare di numero e diffondersi nel circolo sanguigno, causanto Sindrome da lievito, con sintomi come stanchezza, irritabilità, disturbi intestinali, problemi di digestione, intolleranze alimentari, gonfiore addominale e dolore, ma anche prurito, irritazione, arrossamento, perdite vaginali.

I sintomi della Candida Albicans potrebbero essere mal di gola e tosse, acidità e gonfiore di stomaco, vaginite, ansia, stanchezza, prurito vaginale, sbalzi d’umore, diarrea o costipazione, mal di testa, eczemi, acne, meteorsmo, gonfiore al seno e sindrome pre mestruale, vertigini.

La Candida deve essere curata rinforzando il sistema immunitario e ridando equilibrio alla flora batterica intestinale, si deve ridurre l’apporto di zuccheri semplici, evitando anche frutta fresca matura, cibi con lieviti e muffe, cibi con glutammato, bevande, soia, aceto di vino, latte e i suoi derivati. Da eliminare anche i cibi ricchi di conservanti o di spezie. L’importante è non trascurare mai patologie del genere, perché potrebbero degenerare e causare più problemi, a volte anche gravi.

Se notate qualcosa di strano il consiglio è sempre quello di rivolgervi al vostro medico curante.

Via | Piusanipiubelli

Foto | da Flickr di kat masbak

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Perché le mani si raggrinziscono subito in acqua
Corpo

Quando si sta in acqua per un po’, le dita delle mani e dei piedi tendono a diventare raggrinzite. Non dobbiamo preoccuparci, perché si tratta di un fenomeno del tutto naturale e fisiologico, un adattamento evolutivo dell’essere umano. In questo modo riusciamo a fare più presa mentre ci troviamo nell’ambiente acquatico, come svelato da alcuni ricercatori in uno studio che ha fatto il giro del mondo.