Benessereblog Alimentazione Cibi e bevande Vuoi correre più velocemente? Bevi bevande rosa

Vuoi correre più velocemente? Bevi bevande rosa

Vuoi correre più velocemente? Bevi bevande rosa

Vuoi correre più velocemente? Bevi una bevanda rosa! Questo strano suggerimento arriva direttamente dagli esperti del Center for Nutraceuticals dell’Università di Westminster, autori di una ricerca potenzialmente molto utile per chiunque voglia migliorare le prestazioni in palestra.

Lo studio rivela infatti che una bevanda rosa può aumentare le nostre performance del 4,4%, e può persino spingerci a correre più velocemente e a percepire l’esercizio fisico come “più piacevole”. Quando si parla di “pink power”!

Ma come è possibile un simile effetto? Per rispondere a questa domanda, gli esperti hanno chiesto a un campione di partecipanti di correre per 30 minuti su un tapis roulant a una velocità scelta da ciascun volontario. Durante l’allenamento, i soggetti potevano dissetarsi con una bevanda zuccherata artificialmente a basso contenuto di calorie. La bevanda era disponibile in due colori, trasparente e rosa.

Ebbene, quello che hanno osservato gli autori ti sorprenderà!

Per correre più velocemente, scopri il potere del rosa

correre velocemente

A quanto pare, quando bevevano la bevanda di colore rosa, le persone si allenavano in maniera più intensa ed ottenevano risultati migliori. Ma per quale motivo i ricercatori hanno scelto proprio il rosa per la loro bevanda “miracolosa“? Semplice, perché questo colore è associato a una sensazione di dolcezza, e quindi poteva far ipotizzare una maggiore presenza di zuccheri, e di conseguenza a una maggiore energia.

Ebbene, gli autori hanno scoperto che dopo aver bevuto la bevanda rosa i partecipanti avevano corso in media 212 metri in più rispetto che con la bevanda trasparente. La velocità invece è aumentata del 4,4%. E che dire delle sensazioni provate dai partecipanti? La bevanda rosa ha permesso di avvertire meno fatica, e i volontari hanno persino trovato più piacevole l’allenamento!

La ricerca, pubblicata sulla rivista Frontiers in Nutrition, apre la strada a nuovi studi sull’argomento. Ad esempio, gli autori contano adesso di scoprire se l’effetto placebo collegato al rosa può davvero attivare le aree di ricompensa del cervello.

In attesa di nuove informazioni, scopri perché lo sport di resistenza è “roba da nonne”!

via | ScienceDaily
Foto di StockSnap da Pixabay
Foto di roxanawilliams1920 da Pixabay

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social