Benessereblog Alimentazione Consigli pratici per cucinare sano

Consigli pratici per cucinare sano

I buoni propositi per il 2008 non mancheranno certo di comprendere anche qualche buona abitudine alimentare. Ecco qualche consiglio per cucinare in modo sano senza rinunciare al gusto e imparando qualche sana abitudine da adottare come stile di vita. Il decalogo è stato stilato dalla rivista spagnola Consumer Eroski. Rinunciare alla patatine fritte? Giammai! Basta […]

Consigli pratici per cucinare sano

I buoni propositi per il 2008 non mancheranno certo di comprendere anche qualche buona abitudine alimentare. Ecco qualche consiglio per cucinare in modo sano senza rinunciare al gusto e imparando qualche sana abitudine da adottare come stile di vita. Il decalogo è stato stilato dalla rivista spagnola Consumer Eroski.

  • Rinunciare alla patatine fritte? Giammai! Basta qualche piccolo accorgimento come tagliarle a pezzetti più piccoli, cospargerle di poco olio e dorarle in forno usando il grill.
  • Abolire il colesterolo significa abolire anche il gustoso patè? Non serve, se si prepara in casa con le verdure, unendole ad un formaggio cremoso leggero ed eventualmente alla chiara d’uovo, per rendere il composto più omogeneo e soffice.
  • I carboidrati costituiscono generalmente il piatto forte della nostra dieta mediterranea, dunque non vanno eliminati ma arricchiti con abbondanti porzioni di verdure.
  • I cibi impanati che solitamente si friggono si possono cuocere in forno guadagnando in leggerezza.
  • Accompagnare l’insalata con un formaggio costituisce un ottimo piatto unico, gustoso e rapido da preparare. Ma se sostituiamo i formaggi grassi che si usano di solito privilegiando formaggi freschi e leggeri la linea e la salute ci guadagnano, senza sacrificare il gusto.
  • Per ridurre il consumo di sale in cucina è bene ricorrere alle spezie, sia per aromatizzare carne e pesce che per le insalate e le zuppe. Con l’ulteriore vantaggio di aggiungere sapore alle preparazioni.
  • Un’altra buona abitudine è preferire metodi di cottura che non richiedano un massiccio impiego di olio e burro, ma permettono ai cibi di cuocere nella propria acqua di cottura. Tuttavia la drastica riduzione di frittura è già un accorgimento piuttosto diffuso.
  • Creme e salse possono essere preparate senza utilizzare la panna, che manda alle stelle la percentuale di grassi della preparazione. Può essere sostituita da besciamella fatta in casa, per le preparazioni salate, o optare per salse alla frutta nel caso dei dolci.
  • I cibi al gratin, invece, spesso richiedono l’utilizzo di formaggi piuttosto grassi che possono essere sostituiti da pan grattato o uovo ben sbattuto.
  • Infine, imparare a limitare il consumo di zucchero sostituendolo con altri condimenti dolci altrettanto efficaci e che danno un tocco esotico e diverso al caffé, al tè o al latte: per esempio vaniglia o cardamomo.

Foto | Flickr

Via | Vitonica

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Cosa deve e non deve mangiare chi ha l’anemia mediterranea
Malattie

Chi ha l’anemia mediterranea, anche in base alla gravità della patologia del sangue, che è ereditaria e può essere trasmessa ai propri figli, deve prestare massima attenzione agli alimenti ricchi di ferro, per evitare accumuli. Il ferro è presente in alimenti di tipo animale e di tipo vegetale, anche se l’assorbimento è maggiore nei primi rispetto ai secondi e varia anche in base alle condizioni di salute di ogni paziente.