Benessereblog Salute Con la sifilide aumenta la diffusione dell’Hiv

Con la sifilide aumenta la diffusione dell’Hiv

I contagi sono più numerosi tra i giovani uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini. La conferma da uno studio Iss-S. Gallicano

Con la sifilide aumenta la diffusione dell’Hiv

Le infezioni sessualmente trasmissibili aumentano la diffusione dell’Hiv. A riportare l’attenzione sull’argomento è uno studio pubblicato sulla rivista Eurosurveillance dagli esperti del Dipartimento di Malattie Infettive, Parassitarie ed Immunomediate dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss), che grazie ha una collaborazione con l’Istituto Dermovenereologico S. Gallicano di Roma durata ben 25 anni ha scoperto che, almeno nella capitale, la sifilide promuove la diffusione del virus dell’immunodeficienza umana tra gli uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini.

Lo studio ha coinvolto 1.862 uomini e ha svelato che dal 1985 l’incidenza dell’infezione da Hiv ha registrato il suo maggiore aumento tra il 2001 e il 2009. Protagonisti di questo incremento sono stati soprattutto i più giovani e coloro che hanno contratto la sifilide. In particolare, questa malattia sessualmente trasmissibile sembra aumentare addirittura di 7 volte il rischio di contrarre l’infezione da Hiv.

Come spiegano dall’Istituto Superiore di Sanità già in passato erano stati raccolti degli indizi sulla capacità della sifilide di promuovere la diffusione dell’Hiv, ma i dati analizzati insieme agli esperti del S. Gallicano hanno permesso di quantificare il rischio, andando ad integrare i dati raccolti dalle diverse attività di sorveglianza promosse a livello nazionale.

La sifilide è causata dal Treponema pallidum, batterio un grado di generare un’infezione che arriva a coinvolgere diversi organi e tessuti, dalla pelle al sistema nervoso. Caratterizzata da un tempo di incubazione molto lungo (anche 12 settimane), può essere diagnosticata precocemente grazie a un esame del sangue. Ciò permette di iniziare il prima possibile la terapia antibiotica, che in 2 settimane consente di sconfiggere il batterio.

Inizialmente la malattia si manifesta con un condiloma che non causa particolari fastidi e che proprio per questo può passare inosservato. Mesi dopo il contagio i sintomi della sifilide diventano invece più seri e più evidenti. Per evitare gravi conseguenze è bene rivolgersi al medico non appena si sospetti di essere entrati in contatto con il batterio.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Via | Iss
Foto| via Pinterest

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Tachifludec: quando e come assumerlo
Salute

A cosa serve il Tachifludec, quali sono i suoi principi attivi e quando va preso? Approfondiamo gli usi del farmaco in caso di mal di testa, mal di gola e tosse, la differenza che intercorre con la Tachipirina – con la quale ha in comune il paracetamolo – e le controindicazioni e gli effetti collaterali di uno dei migliori medicinali contro influenza, raffreddore e malanni stagionali in genere.