Benessereblog Salute Corpo Come usare lo spazzolino elettrico correttamente

Come usare lo spazzolino elettrico correttamente

Lo spazzolino elettrico, proprio come quello manuale tradizionale, va passato nel cavo orale per 2-3 volte al giorno, solitamente dopo i pasti e sicuramente dopo colazione e prima di andare a letto. Si passa per 30-40 secondi su ogni dente dell'arcata superiore e dell'arcata inferiore, seguendo bene la forma del dente, fino all'attaccatura con la gengiva. Non dobbiamo esagerare con la quantità di dentifricio.

Come usare lo spazzolino elettrico correttamente

Fonte immagine: Pixabay

Lo spazzolino elettrico è un ottimo alleato nella cura dell’igiene orale. A differenza del classico spazzolino da denti tradizionale, riesce ad agire meglio, in maniera più efficace e anche più velocemente. Prima di usarlo, ovviamente, chiedi consiglio al tuo dentista, per capire se è la soluzione adatta alle tue esigenze. Se hai deciso di ricorrere a questo strumento di pulizia per la tua bocca, dovrai sapere come usare lo spazzolino elettrico correttamente. Ti spieghiamo tutto quello che devi sapere in merito.

Come usare lo spazzolino da denti elettrico?

Lo spazzolino elettrico ricaricabile è un ottimo alleato per la salute di denti e gengive. Si basano di solito sull’oscillazione e sulla rotazione della spazzolina, per poter agire in profondità, pulendo con cura ogni dente, da ogni sua angolazione, e anche le gentive. Questa tecnologia permette di avere risultati migliori rispetto all’uso di spazzolini manuali. Ovviamente, per garantire il massimo dell’efficacia bisogna imparare a usarlo in maniera corretta. Se è vero che il movimento è automatico, sta a noi guidarlo bene nel cavo orale, per raggiungere ogni angolo della bocca.

  1. Per prima cosa, bisogna caricare bene lo spazzolino elettrico: deve essere al massimo della carica, così da non rimanere a piedi a metà del lavaggio dei denti.
  2. Poi bisogna mettere un po’ di dentifricio sopra lo spazzolino elettrico: si comincia dalle superfici esterne dei denti, passando da un dente e l’altro e rimanendo qualche secondo su ciascun dente prima di passare oltre. La forma del dente va seguita per bene, per pulire ogni minimo angolo.
  3. Ripeti il passaggio precedente sulle superfici interne dei denti. Bisogna procedere con calma e delicatezza, senza saltare nessuna parte dei denti.
  4. Il passaggio precedente, ora, va eseguito anche sulle superfici di masticazione dei denti e sul retro dei denti posteriori.
  5. Poi bisogna pulire le gengive e il bordo gengivale, sempre con delicatezza, per non irritare questa parte molto delicata del cavo orale.
  6. Si può anche passare la testina sulla lingua e sul palato, procedendo dall’interno verso il davanti.

Quante volte al giorno si può usare lo spazzolino elettrico?

Non esistono differenze tra lo spazzolino manuale e lo spazzolino elettrico per quello che riguarda il numero di lavaggi giornalieri. Si va da un minino di due a un massimo di tre volte al giorno, principalmente dopo i tre pasti. Sicuramente i denti vanno lavati al mattino dopo colazione e la sera prima di andare a dormire. Si possono anche lavare dopo pranzo, per un’igiene orale ancora più accurata.

spazzolino elettrico
Fonte: Pixabay

Quanto tempo bisogna usare lo spazzolino elettrico?

Secondo i dentisti, lo spazzolino elettrico va usato per 30-40 secondi su ognuna delle due arcate. Si appoggiano le setole rotanti su ciascun dente e si segue la forma fino al punto in cui il dente è attaccato la gengiva. Qui si deposita la maggior parte di placca dentaria, quindi bisogna prestare attenzione a seguire per bene ogni angolo del dente. Questo tempo va utilizzato per ogni dente, avanti e dietro.

Quale dentifricio usare con spazzolino elettrico?

Esistono dentifrici appositi, ma possiamo usare quello consigliato dal nostro medico dentista. Non dobbiamo esagerare con il dosaggio. Dobbiamo usare la quantità di prodotto necessaria a coprire la testina rotante, che è molto piccola. Prima di iniziare a spazzolare i denti, dobbiamo passare lo spazzolino sotto l’acqua corrente.

Fonti:

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Ho ancora il ciclo dopo 10 giorni, cosa devo fare?
Corpo

Molte donne hanno a che fare con un ciclo mestruale irregolare ma, nel caso in cui si prolunghi per oltre 10 giorni, è consigliabile consultare un ginecologo. Questa condizione, chiamata menorragia, può essere causata da squilibri ormonali, fibromi uterini, problemi di coagulazione. Un medico può eseguire esami diagnostici per identificare la causa sottostante e suggerire il trattamento appropriato, che potrebbe includere terapie farmacologiche a seconda della causa.