Benessereblog Salute Corpo Come non far spellare la pelle?

Come non far spellare la pelle?

E' un inconveniente dell'esposizione al sole quando andiamo al mare o in montagna, ma ci sono diversi modi per prevenirla. Per evitare la spellatura della pelle, usate creme solari con alto SPF, indossate abbigliamento protettivo come cappelli e camicie a maniche lunghe e limitate l'esposizione al sole, specialmente durante le ore più calde. Mantenetevi idratati ed applicate creme idratanti dopo l'esposizione al sole.

Come non far spellare la pelle?

Fonte immagine: Pixabay

Come non far spellare la pelle? In estate sono in molti a cercare il piacere del sole e del mare, ma spesso ciò porta a tale fastidioso inconveniente. La spellatura cutanea può essere non solo sgradevole esteticamente, ma anche fastidiosa ed irritante. Tuttavia, con alcuni accorgimenti ed una corretta protezione, è possibile godersi il sole senza incorrere in questo noioso ostacolo. In questo articolo, analizziamo alcuni accorgimenti per proteggere la pelle e mantenerla sana e idratata durante l’estate per dire addio alla pelle che si spella.

Come non far spellare la pelle?

Prevenire la spellatura è l’approccio migliore per mantenere la pelle sana e radiosa. Non ci sono segreti a riguardo, ma regole di buon senso ed una corretta esposizione al sole. Ovvero:

  • Utilizzare creme solari con un alto SPF e che proteggano sia dai raggi UVA che UVB. Applicatele almeno 30 minuti prima dell’esposizione al sole e successivamente ogni due ore o dopo il nuoto o la sudorazione eccessiva.
  • Evitare l’esposizione diretta al sole nelle ore più calde: quelle che vanno dalle 10 del mattino alle 4 del pomeriggio sono quelle in cui i raggi solari sono più intensi. Durante questo lasso di tempo, preferite stare sotto ombrelloni, alberi o altre coperture.
  • Indossare indumenti protettivi: coprite la pelle con cappelli a tesa larga, magliette a maniche lunghe e pantaloni leggeri quando vi esponete al sole per lungo tempo. Vi aiuteranno a proteggere la pelle dai danni causati dai raggi solari.
  • Mantenere idratata la pelle: è fondamentale per la salute della stessa. Applicate regolarmente una crema idratante, preferibilmente a base di ingredienti naturali e priva di sostanze chimiche aggressive.
  • Bevete molta acqua: mantenere una buona idratazione è fondamentale per preservare l’elasticità della pelle e prevenire la disidratazione.
  • Fate bagni e docce freddi o tiepidi, e asciugate la pelle con un telo morbido, tamponando e non frizionando.
Come non far spellare la pelle
Fonte: Pixabay

Come bloccare spellatura da sole?

Una volta che la pelle si è spellata, c’è ben poco da fare se non prendersene cura ed evitare che accada di nuovo mettendo in atto le strategie che abbiamo appena elencato. Ma utile può essere evitare ulteriori esposizioni al sole in quanto la pelle danneggiata ha bisogno di tempo per guarire; applicare delicatamente creme o lozioni idratanti sulla zona interessata due volte al giorno per mantenere la pelle umida e accelerare il processo di guarigione.

Non toccare o strappare la pelle spellata: è importante resistere a questa tentazione, poiché potreste causare ulteriori danni o infezioni. L’aloe vera è nota per le sue proprietà lenitive e può aiutare ad alleviare il disagio associato alla spellatura. Applicate il relativo gel sulla pelle spellata. Una volta che la spellatura è in atto, il miglior rimedio per favorire la guarigione e la rigenerazione della pelle consiste nell’effettuare un peeling leggero o uno scrub.

In conclusione, la spellatura della pelle è un fastidioso inconveniente che può rovinare il piacere delle giornate estive. Con una corretta protezione solare, l’idratazione adeguata e alcuni rimedi naturali, possiamo prevenire e alleviare questo fastidio, godendoci al meglio la bella stagione senza preoccupazioni troppo.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Ho ancora il ciclo dopo 10 giorni, cosa devo fare?
Corpo

Molte donne hanno a che fare con un ciclo mestruale irregolare ma, nel caso in cui si prolunghi per oltre 10 giorni, è consigliabile consultare un ginecologo. Questa condizione, chiamata menorragia, può essere causata da squilibri ormonali, fibromi uterini, problemi di coagulazione. Un medico può eseguire esami diagnostici per identificare la causa sottostante e suggerire il trattamento appropriato, che potrebbe includere terapie farmacologiche a seconda della causa.