Benessereblog Benessere Psicologia Come allenarsi alla gratitudine con i 7 consigli degli esperti

Come allenarsi alla gratitudine con i 7 consigli degli esperti

Ecco i consigli dell’esperta Marina Osnaghi per allenarsi alla gratitudine.

Come allenarsi alla gratitudine con i 7 consigli degli esperti

La gratitudine può migliorare la nostra vita, e anche quella degli altri. In diverse occasioni, in passato, vi abbiamo parlato della gratitudine, e degli incredibili benefici che questa potrebbe regalare alla nostra salute. Essere grati per ciò che ci accade e per ciò che chi ci circonda fa per noi, ci aiuta a non dare le cose per scontate, e a comprendere quanto siamo fortunati di avere ciò che abbiamo e di essere circondati da persone che ci vogliono bene.

A darci qualche consiglio per “allenarci” alla gratitudine è la Coach Marina Osnaghi, che ci rivela quali sono i passi fondamentali per essere grati e vivere meglio.

Scopriamo insieme di quali si tratta:

  • Prendersi del tempo per essere grati delle cose buone che ci sono nella nostra vita: anche 5 minuti al giorno, per pensare a qualcosa o qualcuno che volete ringraziare, può migliorare la vostra giornata
  • Scrivere una lista delle cose positive che sono avvenute nel corso della vostra giornata. Dividete un foglio in due, e su un lato annotate ciò che è stato positivo, mentre sull’altro quello che poteva andare meglio. In questo modo imparerete ad equilibrare il vostro approccio mentale alla vita
  • Scrivete (e rileggete) il vostro diario della felicità. Scegliete un quadernetto tascabile con una copertina che richiami alla memoria sensazioni per voi piacevoli, e annotate ciò che di positivo accade nella vostra giornata
  • Provate lo yoga, anche la sera, prima di addormentarvi, in modo da rilassare corpo e mente e sentirvi bene. Durante l’esercizio, pensate a parole come “ti amo” (rivolgendole a voi stessi) e “grazie”, pensando ad una parte del vostro corpo che ha lavorato e funzionato bene
  • Una volta alla settimana, fare un bell’inventario delle cose buone, parlando con i vostri cari delle cose piacevoli e positive che sono avvenute o che avete fatto durante la settimana appena trascorsa
  • Dopo aver portato a termine un progetto, ringraziate coloro che vi hanno aiutati a raggiungere l’obiettivo.
  • Usate le parole: il “grazie” non è implicito, va detto. Usate le parole per far capire a chi vi circonda che siete grati per il loro sostegno o la loro presenza.

[amazon-ads asin=”B074PSRD4B” layout=”buybox”]

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Perché si dice rosso di rabbia?
Psicologia

La rabbia può essere un’emozione positiva e utile, se espressa in modo appropriato. Ma quando ci lasciamo prendere la mano, può accadere che tale sentimento prenda il sopravvento, con tutte le prevedibili conseguenze che comporta. Tra le sue manifestazioni c’è anche il rossore del viso: in questo articolo ci preoccupiamo di spiegare scientificamente perché questo accade ed il significato che si cela dietro la frase “rosso di rabbia”.