Benessereblog Salute Malattie Combur test delle urine per i neonati

Combur test delle urine per i neonati

Il Combur test delle urine si utilizza anche la diagnosi di infezioni urinarie o renali nei neonati, spesso soggetti nella fase del pannolino a queste problematiche.

Combur test delle urine per i neonati

Il Combur test sono delle strisce reattive che servono per analizzare le urine a casa e verificare se c’è in corso un’infezione. Le infezioni delle vie urinarie sono un disturbo abbastanza diffuso nei neonati, che possono manifestare febbre, stanchezza, inappetenza, dolore e irritabilità. Molto spesso questi sintomi non vengono collegati subito a questo genere di problema, perché molto comuni anche ad altri disturbi.

Il Combur test, che si compra facilmente in farmacia, serve proprio per effettuare una prima diagnosi. Attraverso le strisce si possono determinare i parametri di Peso Specifico, Leucociti, Nitriti, pH, Proteine, Glucosio, Corpi Chetonici, Urobilinogeno; Bilirubina, Eritrociti/Emoglobina (poi dipende se a 5 o a 10). Il vero problema è il raccoglimento delle urine, che nei neonati è complesso. Non bisogna inquinare il campione se si desidera un risultato reale.

Come si fa? Il consiglio dei medici è quello di prendere la pipì al volo (letteralmente), utilizzando un bicchierino sterile. Non è per nulla facile. Esistono anche dei sacchettini (sono diversi per maschietti e femminuccia) da applicare sui genitali. I piccoli dovrebbero urinare lì dentro. Il consiglio è quello di farli bere, appena prima, magari stimolarli con qualcosa di freddo, anche un po’ di ghiaccio.

Inserite poi la striscia nelle urine che reagirà velocemente e poi confrontare i colori con quelli della didascalia nella confezione. Non conservate la striscia per i colori si falseranno molto velocemente. E non sono quindi attendibili come prova.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Enfisema polmonare: cure e prevenzione
Malattie

L’enfisema polmonare è una grave malattia cronica polmonare che colpisce soprattutto i fumatori. La malattia può manifestarsi inizialmente in maniera asintomatica, per poi provocare sintomi man mano sempre più gravi e invalidanti, come mancanza di fiato e stanchezza estrema. Ad oggi non esistono cure per l’enfisema in grado di ripristinare la funzionalità polmonare, ma è possibile rallentare la progressione della malattia e ridurne i sintomi.