Benessereblog Salute Cistite: cause, sintomi e cura. Quali farmaci prendere?

Cistite: cause, sintomi e cura. Quali farmaci prendere?

Quali sono le principali cause della cistite? Con che sintomi si manifesta? E qual è la cura?

Cistite: cause, sintomi e cura. Quali farmaci prendere?

Con il termine di cistite si intende un’infiammazione o flogosi della vescica. Tende a manifestarsi di più nelle donne e, tipicamente, provoca uno stimolo continuo ad andare a urinare, anche se poi si fanno poche gocce di urina. Quando la cistite si espande alle alte vie urinarie e arriva al bacinetto renale, allora si parla di pielonefrite, condizione decisamente più grave. Ma andiamo a vedere quali sono le cause, sintomi e cura della cistite, oltre che quali classi di farmaci vengono solitamente prescritti dai medici.

Cistite: cause

Tecnicamente l’urina contenuta nella vescica è sterile. Talvolta, però, batteri riescono a raggiungere la vescica o risalendo dall’uretra con provenienza fecale (via ascendente, soprattutto E. coli) o direttamente dal rene (via discendente) o tramite via ematica. Non tutte le cistiti, però sono di origine batterica, abbiamo anche cistiti virali, fungine, senza dimenticare le forme particolare come la cistite interstiziale, patologia cronica di origine non chiara. Ci sono poi cistiti provocate da farmaci, da trattamenti con radiazioni, da sostanze chimiche…

Interessanti anche i fattori predisponenti della cistite:

  • stanchezza
  • stress
  • scarsa igiene intima
  • uso di assorbenti interni, diaframma o creme spermicide
  • sistema immunitario debole
  • pantaloni o biancheria intima troppo stretta
  • malattie sessualmente trasmissibili (gonorrea, blenorrea…)
  • rapporti sessuali
  • malformazioni congenite
  • stenosi uretrale
  • calcoli vescicali
  • tumori vescicali
  • ipertrofia prostatica
  • diabete

Cistite: sintomi

Questi sono i sintomi più frequenti della cistite:

  • disuria
  • stranguria (bruciore e dolore durante la minzione)
  • pollachiuria (urinazione frequente)
  • ematuria (sangue nelle urine)
  • nicturia
  • piuria (pus nelle urine)
  • urine torbide, scure e maleodoranti o con schiuma
  • tenesmo vescicale
  • dolore addominale o all’inguine
  • brividi
  • febbre
  • nausea

Come si cura la cistite?

Prima di vedere quali sono le classi di farmaci usate per la cura della cistite, è bene sapere che per una diagnosi corretta è richiesto un esame delle urine completo con urocoltura e antibiogramma, senza dimenticare un’ecografia addominale per valutare la presenza di calcoli o masse. Questa è la base per la diagnosi di una cistite.

Parlando di farmaci per la terapia della cistite, il medico vi potrebbe prescrivere:

  • antidolorifici
  • spasmolitici
  • antibiotici (prescritti in base all’esito dell’urocoltura)
  • alcalinizzanti o acidificanti delle urine

Particolare attenzione bisogna prestare alla cistite in gravidanza: se è vero che non tutti i farmaci possono essere utilizzati durante la gestazione, è anche vero che infezioni batteriche non opportunamente trattate potrebbero creare gravi problemi al feto.

Ci sono anche dei rimedi naturali che si possono usare in corso di cistite, da abbinare alla terapia tradizionale:

  • uva ursina: un must della cistite è l’uva ursina, seguita a ruota dal mirtillo rosso americano. In commercio si trovano numerosi preparati, anche in associazione. Hanno azione antimicrobica e antisettica
  • echinacera: rafforza il sistema immunitario
  • camomilla: usata per i suoi effetti spasmolitici
  • tisane che stimolano la diuresi: a base di asparagi, betulla, ciliegio, prezzemolo o tarassaco
  • tisane con proprietà antisettiche: uva ursina, mirtillo americano rosso, ginepro, erica, echinacea e sandalo
  • tisane con proprietà spasmolitiche: camomilla e lavanda

Infine ecco alcune precauzione da adottare:

  • bere molti liquidi
  • migliorare l’igiene intima
  • non usare indumenti troppo stretti
  • andare subito dal medico
  • evitare di avere rapporti sessuali finché la cistite è presente
  • non scambiarsi asciugamani e indumenti intimi

Foto | Flickr – kruder396

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Meningite: 9 sintomi da conoscere e non sottovalutare
Malattie

La meningite è un’infiammazione che interessa le membrane che proteggono e circondano il cervello e il midollo spinale, ovvero le cosiddette meningi. Tra i primi sintomi, rientrano la sonnolenza, un forte mal di testa e la mancanza di appetito. Si aggiungono poi febbre alta, sensibilità alla luce e ai rumori forti.