Benessereblog Alimentazione Cicoria l’amara amica del fegato

Cicoria l’amara amica del fegato

Si parla della cicoria, quasi sempre in maniera dispregiativa, per definire una verdura povera e amara. Quasi un simbolo della povertà contadina. In realtà si tratta di un alimento dall’altissimo valore nutrizionale. Rimineralizzante, antianemica, stimolante della bile, depurativa, diuretica, digestiva leggermente lassativa, potente rimedio indicata nel drenaggio e nelle diete dimagranti. La cicoria grazie alla […]

Cicoria l’amara amica del fegato

Si parla della cicoria, quasi sempre in maniera dispregiativa, per definire una verdura povera e amara. Quasi un simbolo della povertà contadina. In realtà si tratta di un alimento dall’altissimo valore nutrizionale.

Rimineralizzante, antianemica, stimolante della bile, depurativa, diuretica, digestiva leggermente lassativa, potente rimedio indicata nel drenaggio e nelle diete dimagranti.

La cicoria grazie alla sua azione mirata sul fegato, è un depurativo a 360 gradi. Un mix di acidi organici amari, fibre, vitamine del gruppo B, vitamina C, vitamina K, provitamina A, sodio, potassio, cloro, manganese, calcio, ferro, zinco, rame, magnesio, fosforo, aminoacidi.

Una ricchezza che fa della cicoria un disintossicante-stimolante, adatto alle persone sedentarie, a chi consuma molti farmaci, ai fumatori, a chi beve poco, a chi consuma molte proteine, a chi maltratta fegato e stomaco con fritture e cibi pesanti. L’utilizzo più efficace è come insalatina antipasto con poco olio e limone.

Se ne volete sapere di più andate sul sito di Giardinaggio.it dove trovate tante schede davvero interessanti.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Il caffè fa male ai reni?
Nutrizione

Il caffè non fa male ai reni se consumato con moderazione. L’assunzione eccessiva di caffeina, presente nel caffè e in altre bevande, può contribuire ad aumentare la pressione sanguigna, un fattore dannoso per la salute renale. Tuttavia, fino ad oggi, non ci sono prove scientifiche che suggeriscano una controindicazione al consumo moderato di caffeina (2-3 tazzine di caffè al giorno) per soggetti sani o con malattie renali. Con le dovute eccezioni in caso di anziani, bambini e non solo.