Benessereblog Salute Corpo Cervello, la luce svela dove si nasconde la paura

Cervello, la luce svela dove si nasconde la paura

Cervello, la luce svela dove si nasconde la paura

Illuminare il cervello per scovare i luoghi in cui si nasconde la paura. E’ questo quello che ha fatto Cyril Herry, ricercatore dell’Inserm di Bordeaux (l’istituto della salute e della ricerca medica francese), che sfruttando un approccio innovativo in grado di combinare le tecniche dell’ingegneria genetica all’uso della luce è riuscito ad individuare le aree del cervello in cui la paura scatena i meccanismi che portano alla comparsa del disturbo post-traumatico da stress e ad altri problemi di tipo ansioso.

La metodica utilizzata, nota come optogenetica, era già stata utilizzata in passato da Herry e dai suoi colleghi per identificare i circuiti nervosi da cui nascono i comportamenti associati alla paura. Il ricercatore ha però colto l’occasione del Forum europeo delle Neuroscienze di Milano per presentare nuovi risultati ottenuti grazie a questa stessa metodica. Herry ha spiegato che studiando il legame tra i comportamenti associati alla paura e la memoria emotiva nei topi è stato scoperto che a giocare un ruolo fondamentale è la corteccia mediale prefrontale. In particolare, la paura inibisce uno specifico gruppo di neuroni presenti in questa zona del cervello. Tale inibizione scatena una vera e propria reazione a catena: l’inibizione di alcuni neuroni ne attiva altri che agendo su altre aree del cervello porta alle reazioni tipiche della paura.

I nostri studi sugli animali

ha spiegato il ricercatore

potrebbero offrire nuove spiegazioni su come il cervello umano processa la paura, facilitando lo sviluppo di nuovi trattamenti per i disturbi da stress post-traumatico e altre condizioni psichiatriche correlate.

Descrivendo l’approccio utilizzato Herry ha spiegato che

combinando queste tecniche siamo in grado di spiegare meglio come le risposte alla paura si manifestano nel cervello.

I ricercatori non intendono però fermarsi qui. Il prossimo passo dovrebbe essere cercare di capire quali sono i meccanismi che portano alla generalizzazione della paura e che stanno alla base del disturbo post-traumatico da stress. Questo problema ha infatti come caratteristica tipica la comparsa anche in ambienti neutri che non hanno nulla a che fare con il trauma che l’ha generata in origine.

Speriamo

ha dichiarato il ricercatore

di identificare i meccanismi cerebrali che portano alla generalizzazione della paura e comprendere quali sono i circuiti neurali responsabili.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Via | Agi

Seguici anche sui canali social