Benessereblog Salute Cellule staminali emopoietiche del cordone ombelicale: 6 cose da sapere

Cellule staminali emopoietiche del cordone ombelicale: 6 cose da sapere

Cosa sono? E come si conservano?

Cellule staminali emopoietiche del cordone ombelicale: 6 cose da sapere

Guarda la galleria: Le cellule staminali emopoietiche del cordone ombelicale

Le cellule staminali emopoietiche sono utilizzate per curare gravi malattie che possono colpire il sangue e il sistema immunitario, patologie genetiche e tumori. Si tratta di cellule multipotenti, cioè in grado di dare origine a più cellule diverse.

Oggi se ne sente molto parlare in relazione alla donazione e alla conservazione del sangue del cordone ombelicale. Le cellule utili presenti al suo interno sono infatti cellule staminali emopoietiche. Non è però questa l’unica cosa interessante da sapere su queste cellule, che ad oggi hanno permesso di effettuare oltre 30 mila trapianti nel tentativo di trattare anche patologie una volta considerate incurabili. Scoprine di più nella gallery in apertura di questo post!

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Meningite: 9 sintomi da conoscere e non sottovalutare
Malattie

La meningite è un’infiammazione che interessa le membrane che proteggono e circondano il cervello e il midollo spinale, ovvero le cosiddette meningi. Tra i primi sintomi, rientrano la sonnolenza, un forte mal di testa e la mancanza di appetito. Si aggiungono poi febbre alta, sensibilità alla luce e ai rumori forti.