Benessereblog Alimentazione Dieta sana Celiachia, l’80% dei casi non è ancora diagnosticato in Europa

Celiachia, l’80% dei casi non è ancora diagnosticato in Europa

Celiachia, l’80% dei casi non è ancora diagnosticato in Europa

La celiachia è molto diffusa ma sono pochi quelli che sanno di soffrire di questa malattia cronica. Secondo gli esperti, in Europa oltre l’80% dei casi non sia ancora stato diagnosticato. Quanti sono i celiaci in Italia? Si contano 200mila persona, di cui solo 21.277 sono i bambini diagnosticati fino ai 10 anni, mentre si stima la presenza 600mila celiaci. Caterina Pilo, Direttore Generale Aic, ha commentato:

“In particolare nei bambini è essenziale la diagnosi precoce, per tutelare il processo di crescita e lo sviluppo, gestendo nel migliore dei modi i sintomi. Se la celiachia non viene diagnosticata, i piccoli possono incorrere in severe complicanze, tra cui perdita di peso, problemi nella crescita, ritardo della pubertà, stanchezza cronica e osteoporosi”.

La malattia si cura eliminando il glutine dalla dieta. Non c’è altro da fare. In linea di massima per raggiungere una diagnosi ci vogliono mediamente in Europa 8 anni, mentre in Italia circa 6. La patologia può presentarsi a qualsiasi età, compreso lo svezzamento, quando viene introdotto il glutine, nell’infanzia e nell’adolescenza. Non è detto quindi che una persona non diventi celiaco nel tempo… nulla si può escludere.

È dunque importante non perdersi d’animo. L’associazione pazienti italiani sta contribuendo alla diffusione del “Protocollo per la diagnosi e il follow up della celiachia“, che prevede, tra l’altro, particolari linee guida per la diagnosi nei bambini e negli adolescenti. Si deve partire da qui per avere diagnosi più tempestive.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Come combattere la fame nervosa
Nutrizione

Conosci la causa della tua fame nervosa? Scopri quali sono i trigger che ti portano a mangiare troppo e male, e le cose da fare per evitarlo