Benessereblog Alimentazione Dieta sana Celiachia: elenco dei cibi da evitare

Celiachia: elenco dei cibi da evitare

Chi soffre di celiachia deve evitare gli alimenti contenenti glutine, causa di infiammazione a danno dell'intestino tenue nei soggetti predisposti

Celiachia: elenco dei cibi da evitare

Quando si parla di celiachia si fa riferimento ad un’infiammazione cronica a danno dell’intestino tenue, che si manifesta a causa del consumo di glutine in soggetti predisposti. Durante l’infanzia questo disturbo può portare a ritardo nello sviluppo e nella crescita, mentre i sintomi in età non infantile sono prettamente di tipo gastroenterico, con diarrea e dolori allo stomaco, ma anche senso di stanchezza, anemia e anche rash cutanei.

Chi soffre di celiachia è quindi tenuto a seguire una dieta gluten free, in grado di non peggiorare l’infiammazione e limitare i disturbi ad essa associati. Per tale motivo la maggior parte dei cereali è da bandire completamente dalla tavola, così come i prodotti confezionati che prevedono una panatura a base di grano.

Ad oggi in commercio esistono ottime alternative senza glutine a pasta, pane e prodotti da forno. Si tratta normalmente di alimenti a base di mais, riso, grano saraceno e pseudo cereali naturalmente privi dell’allergene. In questo modo, oltre alle proteine animali e vegetali, si possono anche consumare carboidrati complessi che non vadano ad alimentare l’infiammo.

Attenzione invece agli alimenti in elenco qui in basso da evitare assolutamente in caso di celiachia.

  • Pasta di grano, grano kamut, farro, orzo, segale
  • Pane fatto con farina di grano, grano kamut, farro, orzo, segale
  • Prodotti da forno o confezionati a base di grano, grano kamut, farro, orzo, segale
  • Prodotti con panatura non gluten free (ammessa invece la panatura con farina di mais)
  • Cereali per la prima colazione (salvo quelli a base di mais, riso e grano saraceno)
  • Pizza fatta con farine non gluten free
  • Zuppe a base di cereali (es. farro perlato)
  • Latte vegetale a base di cereali (ammesso invece il latte di avena)
  • Dolci contenenti basi di frolla, wafer o pan di Spagna non gluten free
  • Birra (salvo quella certificata gluten free)

In generale, quando si va al supermercato per fare la spesa, è essenziale leggere attentamente la lista degli ingredienti degli alimenti confezionati. Si può stare tranquilli se sulle confezioni viene esposto il simbolo della spiga di grano crociata, che indica che il prodotto è senza glutine, mentre maggiore attenzione va messa per gli alimenti che non la espongono.

Chi soffre di celiachia da tempo, sa perfettamente a cosa mettere cura. Ma chi è ancora alle prime armi con questo problema, potrebbe non essere del tutto consapevole di quali cibi siano a rischio. Un esempio sono le bevande, come la birra, che salvo rare eccezioni, contengono glutine di frumento.

Foto | Pixabay

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pleurite: i sintomi da riconoscere subito
Malattie

La pleurite è un’infiammazione della pleura, una sottile membrana che riveste la cavità toracica e i polmoni. I sintomi più comuni sono dolore al petto, che può peggiorare con la tosse o con la respirazione profonda, e difficoltà respiratorie. Altri sintomi possono includere febbre, sudorazione notturna ed affaticamento. La pleurite può essere causata da un’infezione, come la polmonite, o da una malattia autoimmune. Alla comparsa dei primi segnali è opportuno contattare immediatamente il medico.