Benessereblog Salute Cancro del pancreas: i consigli degli esperti per combatterlo

Cancro del pancreas: i consigli degli esperti per combatterlo

Il cancro al pancreas fa ancora molta paura. Ecco cosa spiega l’esperto in merito a questa malattia.

Cancro del pancreas: i consigli degli esperti per combatterlo

Il cancro al pancreas fa ancora molta paura. A parlarne è stato Giampaolo Tortora, direttore dell’Oncologia Medica del Policlinico Gemelli, che in un’intervista rilasciata al sito Adnkronos Salute, dove apprendiamo che i nuovi casi di tumore al pancreas in Italia arrivano a mille al mese (nel 2018 la stima è di 13.300 nuovi casi), e le stime di sopravvivenza purtroppo non sono ancora positive: a 5 anni dalla diagnosi, il tasso di sopravvivenza è di circa l’8%, e a 10 anni del 3%.

L’esperto spiega però che la ricerca non si ferma, ma avanza quotidianamente per riuscire a combattere questa temuta malattia.

Si tratta di una malattia che incute ancora timore e ha un’aura nefasta. Fino a poco tempo fa avevamo una sola risorsa terapeutica, in questi ultimi anni sono stati messi a punto due diversi regimi di chemioterapia, ciascuno costituito da due o tre farmaci, che hanno avuto un impatto importante su sopravvivenza e qualità vita dei pazienti. Oggi abbiamo pazienti a cui possiamo offrire uno spettro, per quanto minimo, di trattamenti disponibili, ma c’è anche tanto altro in corso.

Le prospettive più interessanti sembrano essere quelle collegate alla decodificazione del genoma del pancreas, ma non solo! Grazie alle loro ricerche, gli esperti sono infatti riusciti a identificare nel tumore del pancreas un microambiente composto da cellule, proteine e sostanze infiammatorie.

Ebbene, il tumore è in grado di corrompere il microambiente e trasformarlo in un meccanismo di autoprotezione. Dunque prima bisogna lavorare sul microambiente, modificarlo e “disinnescare” questo sistema di protezione, poi agire con l’immunoterapia. Tanti studi in corso stanno sperimentando questo approccio, con prospettive molto promettenti.

Ma cosa potremmo fare per ridurre il rischio di tumore al pancreas? Come sempre, anche quando si parla di questa malattia la cosa più importante è ridurre al minimo i fattori di rischio, come ad esempio il fumo di sigaretta. Sarà inoltre fondamentale ridurre fattori come obesità e sovrappeso, seguire una dieta sana e povera di grassi, e ridurre anche il rischio di diabete.

La nostra preziosa dieta mediterranea è un valido supporto per cercare di contrastare lo sviluppo della malattia, ma anche accompagnare i pazienti in terapia.

via | AdnKronos
Foto da iStock

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pleurite: i sintomi da riconoscere subito
Malattie

La pleurite è un’infiammazione della pleura, una sottile membrana che riveste la cavità toracica e i polmoni. I sintomi più comuni sono dolore al petto, che può peggiorare con la tosse o con la respirazione profonda, e difficoltà respiratorie. Altri sintomi possono includere febbre, sudorazione notturna ed affaticamento. La pleurite può essere causata da un’infezione, come la polmonite, o da una malattia autoimmune. Alla comparsa dei primi segnali è opportuno contattare immediatamente il medico.