Benessereblog Salute Corpo Calcoli renali, rischia di più chi beve bibite gassate e zuccherate

Calcoli renali, rischia di più chi beve bibite gassate e zuccherate

Calcoli renali, rischia di più chi beve bibite gassate e zuccherate

Consumare troppe bibite gassate e zuccherate potrebbe causare molti problemi alla nostra salute. Anche per quello che riguarda i calcoli renali, almeno secondo uno studio del Policlinico Gemelli di Roma e della Harvard University di Boston. Lo studio, che è stato pubblicato sul Clinical Journal of the American Society of Nephrology, sottolinea che il rischio aumenta del 23-33% per chi beve una lattina o un bicchiere al giorno, rispetto a chi ne consuma molto di meno.

Lo studio è stato condotto su un campione di 194.095 soggetti che sono stati seguiti per otto anni: 4462 i casi di calcoli renali riscontrati e un’analisi condotta sulle loro abitudini di vita ha rivelato che il rischio di contrarre questo disturbo era maggiore del 23-33% nelle persone che erano solite bere moltissime bibite gassate e zuccherate.

Non tutte le bevande sono uguali e causano gli stessi effetti: i ricercatori hanno scoperto che il rischio è maggiore nelle persone che consumano bevande zuccherate e gassate, mentre un consumo elevato di caffè, tè, vino, birra e succo d’arancia propone un rischio decisamente inferiore.

La colpa andrebbe individuata nel fruttosio che quelle bibite contengono e che potrebbe causare la formazione di calcoli nei reni. Già in passato vi avevamo parlato del fatto che il tè freddo aumentava il rischio di calcoli ai reni: dopo questo studio, meglio limitare anche l’uso e l’abuso di bibite gassate e zuccherate. Meglio non correre un rischio inutile.

Foto | da Flickr di mszeto

Via | cjasn

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social