Benessereblog Salute Bruxismo: 8 rischi da non sottovalutare

Bruxismo: 8 rischi da non sottovalutare

Ecco quali sono le conseguenze del bruxismo che non dovreste sottovalutare.

Bruxismo: 8 rischi da non sottovalutare

Il bruxismo è una condizione in cui le persone tendono a digrignare o stringere i denti, spesso in maniera inconscia. Ciò può accadere sia durante il giorno, che durante la notte (bruxismo del sonno), e generalmente si tratta di un problema provocato da svariate cause, come ad esempio:

  • Emozioni come ansia, stress, rabbia, frustrazione o tensione
  • Aggressività, competitività o personalità iperattiva
  • Allineamento anormale dei denti superiori ed inferiori (malocclusione)
  • Problemi del sonno, come l’apnea del sonno
  • Risposta al dolore causato da un mal d’orecchi o dalla dentizione (nei bambini)
  • Effetto indesiderato non comune provocato da alcuni farmaci psichiatrici
  • Una strategia di coping o di concentrazione
  • Complicazioni derivanti da una malattia come il morbo di Huntington o la malattia di Parkinson

Le persone che tendono a stringere i denti mentre dormono soffrono spesso di altri disturbi del sonno, come la tendenza a russare, oppure l’apnea del sonno. Detto ciò, il bruxismo lieve non richiede un particolare trattamento. Tuttavia, in alcune persone, questo problema può provocare conseguenze abbastanza gravi, come disturbi alla mascella, mal di testa, denti danneggiati e altri problemi.

Fra le possibili conseguenze del bruxismo ricordiamo:

  • Danni ai denti, alle protesi o alla mascella
  • Tensione e mal di testa
  • Disturbi che si verificano alle articolazioni temporo-mandibolari
  • Mialgia facciale (dolori alla mascella e ai muscoli facciali)
  • Mal d’orecchio
  • Rigidità delle spalle
  • Limitazione di apertura della bocca
  • Gengive infiammate

via | Bruxism.org.uk, MayoClinic

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pleurite: i sintomi da riconoscere subito
Malattie

La pleurite è un’infiammazione della pleura, una sottile membrana che riveste la cavità toracica e i polmoni. I sintomi più comuni sono dolore al petto, che può peggiorare con la tosse o con la respirazione profonda, e difficoltà respiratorie. Altri sintomi possono includere febbre, sudorazione notturna ed affaticamento. La pleurite può essere causata da un’infezione, come la polmonite, o da una malattia autoimmune. Alla comparsa dei primi segnali è opportuno contattare immediatamente il medico.