Benessereblog Salute Bere tè riduce il rischio di declino cognitivo

Bere tè riduce il rischio di declino cognitivo

Bere tè riduce il rischio di declino cognitivo

Bere tè aiuta a ridurre del 50% il rischio di deterioramento cognitivo nelle persone anziane, e dell’86% il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer per coloro che sono geneticamente predisposti. A suggerirlo è uno studio pubblicato sul Journal of Nutrition, Health & Aging, che coinvolge 957 anziani cinesi over 55, i quali hanno fornito informazioni in merito al loro consumo di tè giornaliero, dal 2003 al 2005.

Grazie a questa ricerca, sarebbe stato confermato il ruolo neuroprotettivo del consumo di tè sulla funzione cognitiva, ruolo che non sarebbe limitato ad un particolare tipo di tè. Il tè verde, quello nero e il tè oolong sembrerebbro infatti offrire ugualmente degli effetti benefici.

I dati emersi dallo studio suggeriscono dunque che una semplice e poco costosa modifica nello stile di vita, come bere il tè ogni giorno appunto, può ridurre il rischio di sviluppare disturbi neurocognitivi durante l’età adulta.

via | ScienceDaily

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social