Benessereblog Salute Benessere psicofisico dei lavoratori: quali sono le problematiche più preoccupanti?

Benessere psicofisico dei lavoratori: quali sono le problematiche più preoccupanti?

Benessere psicofisico dei lavoratori: quali sono le problematiche più preoccupanti?

Ansia, paura per la propria salute e per il proprio futuro, tendenza a mangiare male e un maggior rischio di burnout. Sono queste alcune delle problematiche manifestate dai lavoratori in un’indagine condotta da Sodexo e Harris Interactive su un campione di 5000 dipendenti provenienti da 8 Nazioni diverse (compresa l’Italia). Lo studio ha esaminato il benessere psicofisico dei lavoratori, ed ha fatto emergere un quadro non proprio confortante.

Nonostante la graduale ripartenza che sta caratterizzando molti Paesi del mondo, tante persone continuano a soffrire degli effetti della pandemia e di quelli dei lockdown.

Durante l’ultimo anno, molti partecipanti hanno infatti ammesso di aver trascurato la propria salute fisica (mangiando male e conducendo uno stile di vita molto sedentario).

Anche la salute mentale dei lavoratori è stata trascurata, con il 75% degli intervistati che ammette di aver avuto un calo nella produttività proprio a causa dei problemi emotivi e psicologici. Alcuni partecipanti hanno manifestato i sintomi di declino cognitivo e del Disturbo post traumatico da stress.

Benessere psicofisico dei lavoratori: i problemi più comuni in Italia

Ma quali saranno le problematiche che hanno colpito maggiormente gli italiani nell’ultimo anno? La risposta arriva dall’indagine condotta su un campione di 600 dipendenti. Nel corso del 2020, il 71% dei partecipanti ha provato un senso di incertezza verso il futuro. Il 79% ritiene inoltre che l’azienda dovrebbe provvedere attivamente per proteggere e migliorare la salute mentale dei lavoratori.

Fra le problematiche più frequenti emerse nell’ultimo anno vi sono:

  • Maggiore sedentarietà: il 76% non ha svolto alcun tipo di attività fisica
  • Paura e senso di incertezza per il futuro
  • Ansia per la propria salute e per quella dei familiari
  • Sensazione di paura e panico per la pandemia
  • Ansia per la propria sicurezza sul posto di lavoro
  • Tendenza a mangiare troppo e in modo poco sano
  • Ansia per il proprio lavoro
  • Tendenza a fumare di più e a bere più alcol
  • Utilizzo di un numero maggiore prescrizioni mediche rispetto al normale.

I più colpiti da queste problematiche – secondo quanto emerge dall’indagine – sono i dipendenti che appartengono alla Gen Z e alla Gen X.

Foto di Gerd Altmann da Pixabay

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social