Benessereblog Benessere Benessere psicofisico, 3 mudra per vivere meglio

Benessere psicofisico, 3 mudra per vivere meglio

I mudra sono gesti che servono per equilibrare l'energia del corpo.

Benessere psicofisico, 3 mudra per vivere meglio

I mudra sono gesti che servono per equilibrare l’energia del corpo. Con il termine mudra di solito si intendono le posizioni delle mani, ma anche quelle degli occhi, del corpo e le tecniche di respirazione.

I mudra di derivazione indiana di solito sono inseriti nella pratica dello yoga e apportano moltissimi benefici al corpo e alla psiche in quanto reindirizzano in maniera efficace l’energia vitale.

Questi gesti simbolici quindi aiutano a curare vari disturbi fisici e psichici e ad aumentare l’energia e la motivazione.

Ecco 3 tipi di mudra delle mani da praticare dovunque e quando se ne sente la necessità.

  • Mudra dell’energia – mano sinistra a formare una sorta di scodella con dita chiuse e mano destra con pollice teso verso l’alto sopra la mano sinistra. Questa posizione si porta a livello dell’addome con i gomiti in fuori. Questo mudra serve a combattere la stanchezza, la depressione, l’insoddisfazione e la mancanza di motivazione.
  • Mudra della vita – aiuta a rinforzare il sistema immunitario, la debolezza e, dal punto di vista psichico, aumenta la fiducia in se stessi stimolando la felicità e la gioia. Si pratica unendo le punte del pollice, dell’anulare e del mignolo mentre le altre dita rimangono distese.
  • Mukula mudra – il mudra è indicato per la guarigione di una parte del corpo dolorante o debole. La posizione delle mani è a becco. Si appoggia la punta delle 4 dita sul pollice e poi si porta la mano in questa posizione sulla parte del corpo  che ha bisogno di essere guarita.

 

 

Fonte: “Mudra – lo yoga delle mani” – Gertrud Hirschi. Ed. Il Punto d’Incontro.

 

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Stress scolastico? Ecco come aiutare i bambini e i ragazzi
Psicologia

Lo stress scolastico è un disturbo piuttosto comune. Lo possono provare alunni e studenti di ogni età e frequentanti tutte le scuole, di ogni ordine e grado. Le cause scatenanti possono essere molte, così come numerosi sono i sintomi. Abbiamo rivolto alcune domande alla psicologa, in modo da capire come affrontare e risolvere il problema. Ecco cosa ci ha risposto.