Benessereblog Salute Malattie Bambini, il consumo di pesce contrasta la comparsa di allergie

Bambini, il consumo di pesce contrasta la comparsa di allergie

Spesso è difficile convincere i più piccoli a mandarlo giù, ma il pesce è importante per proteggere la salute dei bambini, che grazie a questo alimento rischiano meno allergie fino ai 12 anni

Bambini, il consumo di pesce contrasta la comparsa di allergie

Quando eravamo piccoli ci è stato insegnato che il pesce fa bene. Le cose non sono cambiate da allora e anche oggi gli esperti di nutrizione raccomandano di non dimenticare di mettere nel piatto questo alimento almeno due volte alla settimana. Oggi c’è un motivo in più per non dimenticare di estendere questa raccomandazione anche ai più piccoli. Uno studio pubblicato sull’American Journal of Nutrition dai ricercatori del Karolinska Institute di Stoccolma (Svezia) ha infatti dimostrato che il consumo di pesce nella prima infanzia riduce il rischio di sviluppare allergie fino a 12 anni.

Gli autori dello studio sono partiti dai risultati di studi precedenti secondo cui il consumo di pesce nei primi anni di vita contrasta la comparsa delle allergie, ma si sono spinti oltre per cercare di capire se questo effetto protettivo perdurasse anche durante il resto dell’infanzia.

Per farlo hanno coinvolto nelle loro analisi 3285 bambini appartenenti al gruppo di studio Swedish birth cohort. I genitori dei ragazzi hanno compilato dei questionari sullo stile di vita, l’esposizione ai fattori ambientali e i sintomi di malattie allergiche dei proprio figli. I questionari sono stati compilati quando i bambini avevano 1, 2, 4, 8 e 12 anni.

La frequenza del consumo di pesce nella primissima infanzia è stata rilevata con il questionario somministrato quando i bambini avevano 1 anno. I livelli di anticorpi associati alle reazioni allergiche – le cosiddette immunoglobuline (Ig) E – sono, invece, stati misurati a 8 anni.

L’analisi dei dati raccolti ha svelato che a 1 anno d’età l’80% dei bambini consumava regolarmente pesce, almeno 2 volte al mese. Tra il primo anno di vita e i 12 anni questo consumo regolare ha ridotto il rischio totale di disturbi di tipo allergico, sia di tipo respiratorio (come la rinite), sia di tipo dermatologico (come l’eczema).

Sulla base di questi risultati i ricercatori hanno concluso che

il consumo regolare di pesce nell’infanzia può ridurre il rischio di malattie allergiche fino all’età di 12 anni.

Via | The American Journal of Clinical Nutrition
Foto | da Flickr di malias

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Cirrosi epatica: i sintomi da riconoscere
Malattie

Negi stadi iniziali, i sintomi della cirrosi epatica possono passare inosservati. Spesso, infatti, la malattia si presenta inizialmente in modo asintomatico, per poi aggravarsi progressivamente, andando a danneggiare la salute in molti modi differenti. Tra i primi sintomi da riconoscere vi sono stanchezza, prurito in tutto il corpo, perdita di peso e inappetenza. Man mano che si aggrava, la cirrosi può danneggiare non solo il fegato, ma tutto il corpo a 360 gradi, coinvolgendo anche il cervello.