Benessereblog Bambini balbuzienti: casi in aumento negli ultimi 10 anni

Bambini balbuzienti: casi in aumento negli ultimi 10 anni

Bambini balbuzienti: casi in aumento negli ultimi 10 anni

I casi di balbuzie sono aumentati negli ultimi 10 anni nel nostro Paese. Questo è uno dei dati emersi dal convegno italiano sui disturbi della fluenza verbale organizzato a Calenzano (in provincia di Firenze), che si terrà il 25 e il 26 ottobre. Gli esperti hanno fatto sapere che nell’ultimo decennio i casi di balbuzie sarebbero aumentati dell’8%, in seguito a un’attenzione sempre maggiore nei confronti di questo disturbo.

Se però questa problematica viene trattata precocemente, prima dei sette anni di età, le probabilità di riuscire a smettere di balbettare riguarderanno il 75% dei giovani pazienti. Se invece il problema dovesse essere preso in esame durante l’adolescenza, il rischio sarebbe quello di avere degli esiti meno significativi, ma un miglioramento sarà pur sempre possibile. Se trattato in età adulta, ovvero dopo un arco di tempo prolungato, le possibilità di sconfiggere questo fastidioso disturbo purtroppo diminuiscono, ma è comunque possibile ottenere dei risultati soddisfacenti.

Balbuzie: cosa è e chi corre più rischi

La balbuzie è un disturbo del linguaggio che può essere appena percepibile, in alcuni casi, o molto invalidante in altri soggetti. Si tratta di un problema che colpisce persone di ogni età e appartenenti a ogni etnia. Generalmente coloro che soffrono di questo problema vivono la balbuzie con grande disagio psicologico e forte imbarazzo.

Gli esperti fanno sapere che questo problema colpisce, solo in Italia, il 17% dei bambini (che sono i soggetti maggiormente colpiti), seguiti dagli uomini e dai giovani adolescenti. Il disturbo colpisce maggiormente le persone di sesso maschile rispetto alle donne, e un intervento tempestivo potrebbe migliorare il linguaggio e la qualità della vita di chi soffre di questa condizione.

via | Ansa
Foto da Pixabay

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social