Benessereblog Salute Malattie Autodiagnosi dei propri disturbi con yin e yang

Autodiagnosi dei propri disturbi con yin e yang

Autodiagnosi dei propri disturbi con yin e yang


Il concetto di yin e yang è il principio base su cui si basa la disciplina della macrobiotica e tutto ciò non va applicato solamente all’alimentazione, ma anche per approfondire la conoscenza del corpo umano, scoprendo un nuovo modo di osservare e studiare noi stessi e relazionarci con l’ambiente. Esistono vari metodi utilizzabili per l’autodiagnosi di malattie e disturbi; oggi approfondiamo questa.

Partiamo dalla testa, precisamente dai capelli: se i vostri capelli sono fragili o hanno troppe doppie punte, vuol dire, secondo questa teoria, che i vostri organi sessuali si stanno indebolendo, soprattutto perchè si sono consumati troppi zuccheri. Se, invece, sudate spesso sulla fronte, avete la vescica troppo affaticata, per l’ingestione di troppi liquidi.

La zona sotto gli occhi è pallida ed avete spesso le borse? Avete i reni gonfi e sovraccarichi … Infine, se avete diverse linee verticali tra le sopracciglia e sopra il naso, avete il fegato che funziona male. Tutto ciò è naturalmente un accenno a ciò che i concetti di yin e yang possono realmente fare; se volete, approfondite il concetto con uno specialista, vi sarà di molto aiuto.

Foto | Flickr

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare