Benessereblog Benessere Psicologia Aracnofobia, chi ha paura dei ragni li vede più grandi

Aracnofobia, chi ha paura dei ragni li vede più grandi

Aracnofobia, chi ha paura dei ragni li vede più grandi


Paura dei ragni. Un senso di repulsione e spavento alla vista dei ragni che nelle forme più gravi può trasformarsi in fobia. L’aracnofobia va oltre la semplice repulsione. Non ci limitiamo a spaventarci alla vista del ragno. A volte un’ombra sul muro o anche una foto di un ragno ci scatenano il panico.

C’è di più. Da una recente ricerca emerge che chi ha paura dei ragni tende a vederli più grandi di quelli che sono in realtà. Si verifica una vera e propria distorsione nella percezione visiva della realtà, a testimonianza di come il potere delle nostre paure fuori controllo possa avere conseguenze anche pesanti e condizionarci la vita.

I ricercatori del Dipartimento di Psicologia della Ohio State’s University hanno sottoposto un campione di persone che avevano paura dei ragni ad incontri ravvicinati con tarantole ed altre specie. Successivamente gli è stato chiesto quanto fossero grandi i ragni. Ebbene, più era intensa la paura dei soggetti coinvolti, maggiore era la dimensione descritta.

Gli autori pensano che quanto si verifica con i ragni possa essere valido anche per altre fobie. Pensiamo alla paura degli aghi, ad esempio. L’ago può sembrarci più grosso di quanto non sia in realtà e questo può influenzare la nostra vita e la nostra salute, perché tenderemo ad evitare analisi ed iniezioni.

Secondo i ricercatori è proprio questa percezione visiva distorta, che ci porta ad ingigantire l’oggetto delle nostre paure, ad alimentare la fobia. Capire come ci facciamo sopraffare dalle paure irrazionali potrà aprire la strada a nuovi trattamenti più efficaci. Lo studio completo è stato pubblicato sulla rivista scientifica Journal of Anxiety Disorders.

Via | Ohio State University
Foto | Flickr

Seguici anche sui canali social