Benessereblog Alimentazione Arachidi: proprietà e valori nutrizionali

Arachidi: proprietà e valori nutrizionali

Le arachidi contengono numerose proprietà salutari per il nostro organismo, soprattutto vitamina E e magnesio

Arachidi: proprietà e valori nutrizionali

Le arachidi costituiscono spesso, specie se salate, uno snack molto apprezzato e diffusamente consumato in tutto il mondo anche se è originario delle regioni tropicali dell’America del Sud, dove viene coltivato sin da epoche remote: già gli aborigeni di quelle zone lo consumavano in abbondanza. Con i conquistatori portoghesi e spagnoli è poi approdato in Europa e da allora non sappiamo più farne a meno. Facciamo bene, perché contengono numerose proprietà salutari per il nostro organismo, anche se sarebbe meglio evitare di consumare lo snack salato preferendo le noccioline senza condimento, appena tostate.

Si possono consumare sia crude che tostate ma anche fritte o come ingrediente in altre preparazioni, sia dolci che salate. Se ne ricava anche un olio, una farina e addirittura un burro, molto utilizzati nelle preparazioni industriali. Ma quel che più ci interessa sono i valori nutrizionali delle arachidi.

Hanno un modesto valore proteico e apportano vitamina E, alcune vitamine del gruppo B (specialmente B1 e B3), ma anche magnesio, sodio, ferro e fosforo, anche se in minor quantità rispetto al primo minerale, presente in alte quantità. Hanno anche un elevato valore energetico, considerando che circa 60 grammi di prodotto apportano circa 340 calorie.

Via | Consumer

Foto | Flickr

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Cosa deve e non deve mangiare chi ha l’anemia mediterranea
Malattie

Chi ha l’anemia mediterranea, anche in base alla gravità della patologia del sangue, che è ereditaria e può essere trasmessa ai propri figli, deve prestare massima attenzione agli alimenti ricchi di ferro, per evitare accumuli. Il ferro è presente in alimenti di tipo animale e di tipo vegetale, anche se l’assorbimento è maggiore nei primi rispetto ai secondi e varia anche in base alle condizioni di salute di ogni paziente.