Benessereblog Salute Ansia da pandemia: e se fosse anche colpa dello smartphone?

Ansia da pandemia: e se fosse anche colpa dello smartphone?

Soffri di ansia da pandemia? La colpa potrebbe essere anche dei dispositivi tecnologici e digitali secondo questo nuovo studio

Ansia da pandemia: e se fosse anche colpa dello smartphone?

E se ad accentuare l’ansia da pandemia fosse anche l’utilizzo eccessivo di smartphone e computer? Ad avanzare questa ipotesi sono gli autori di un nuovo studio presentato in occasione del World Microbe Forum e condotto dai membri della Saint James School of Medicine, i quali hanno osservato che l’utilizzo sempre maggiore di dispositivi digitali è collegato a un maggior stato di ansia, inquietudine e a sintomi più frequenti di disturbo da stress post-traumatico (PTSD).

Per il loro studio, gli autori hanno analizzato le risposte di quasi 300 partecipanti di età compresa fra i 18 e i 28 anni.

La maggior parte dei ragazzi e delle ragazze che hanno preso parte alla ricerca hanno mostrato sintomi di ansia e depressione da lievi a moderati. Inoltre, poco più del 30% potrebbe soddisfare i criteri per la diagnosi di disturbo da stress post-traumatico.

Ansia da pandemia: colpa (anche) di tablet e smartphone

Analizzando più a fondo i dati è emerso che il tempo trascorso di fronte agli schermi di cellulari, computer, tablet e altri dispositivi è collegato a livelli più elevati di “ansia da pandemia”.

Del resto, questa non è la prima volta che studiosi e ricercatori sottolineano l’esistenza di un legame fra eccessivo utilizzo di devices tecnologici e ansia. Il tempo trascorso in casa, fisicamente lontani dagli amici e dai familiari, ha solo aggravato il problema:

Questo studio evidenzia che la pandemia non ha semplicemente colpito le persone fisicamente, ma emotivamente e mentalmente, con vari gruppi che ne hanno risentito in misura maggiore rispetto ad altri. Questo conferma che c’è un maggiore bisogno di supporto psicologico durante i periodi più disastrosi.

Ancora una volta, gli esperti concordano nel dire che va prestata maggiore attenzione alla salute mentale, anche e soprattutto durante i periodi difficili come quello che stiamo attraversando.

via | Eurekalert
Foto di Jan Vašek da Pixabay

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Posso prendere l’Augmentin per il mal di gola?
Salute

L’Augmentin per il mal di gola si può prendere, a patto che l’infezione sia di origine batterica. Deve essere prescritto dal medico curante con ricetta ripetibile e vanno seguite le sue indicazioni passo dopo passo. Mai interrompere prima la durata del trattamento previsto, anche se notiamo che i sintomi sono quasi del tutto scomparsi. Di solito la terapia base dura 5-7 giorni, per sconfiggere il batterio che ha attaccato il nostro organismo.