Benessereblog Salute Anestesia con l’ipnosi: un italiano su 3 la sceglierebbe

Anestesia con l’ipnosi: un italiano su 3 la sceglierebbe

In Italia una persona su tre è disposta a provare l’ipnosi al posto dell’anestesia. Ecco cosa spiega l’esperto.

Anestesia con l’ipnosi: un italiano su 3 la sceglierebbe

In Italia sempre più pazienti sembrano essere disposti a sottoporsi a piccoli interventi di chirurgia scegliendo l’ipnosi al posto dell’anestesia.

A parlarne è stato l’esperto sull’argomento Enrico Facco, docente del Dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Padova, che spiega che un terzo della popolazione italiana sembra disposto a sottoporsi all’anestesia ipnotica, con un conseguente migliore approccio all’intervento, un minore dolore post operatorio e una riduzione dell’ansia e dello stress.

In un’intervista rilasciata all’Adnkronos Salute, l’esperto ha spiegato che l’ipnosi offre il vantaggio di essere sempre disponibile e, se usata bene, non comporta alcun effetto collaterale. Questa tecnica si sta diffondendo sempre più nel campo dell’odontoiatria, in ambulatorio, nelle terapie del dolore e nel trattamento dei disturbi psicosomatici.

E’ chiaro che usata bene e correttamente è uno strumento perfetto per riportate l’umanizzazione delle cure in Medicina. L’ipnosi non è far addormentare il soggetto o trasformarlo in uno ‘zombie’, il paziente è sempre cosciente e c’è un continuo scambio tra lui e il medico che la pratica.

L’esperto aggiunge che l’ipnosi può anche aiutare a ridurre l’ansia pre e post-operatoria, aiuta il paziente a rilassarsi e permette anche di ridurre l’assunzione di farmaci analgesici.

Ma come funziona esattamente questa tecnica?

E’ indotta facendo chiudere gli occhi al paziente e allo stesso tempo suggerendo la realizzazione di uno stato di rilassamento e benessere. Poi si fa immergere il soggetto nell’immagine di un paesaggio piacevole e si crea un’analgesia ipnotica focalizzata nella sede dell’intervento. In odontoiatria, un campo in cui si ottengono ottimi risultati con l’ipnosi, il 25% dei pazienti ha paura dell’intervento e il 10% ha una vera e propria fobia del dentista. Almeno in un caso su tre si riesce a migliorare l’ansia e il terrore per l’estrazione di un dente con l’anestesia ipnotica.

via | AdnKronos
Foto da Pixabay

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Quale attività fisica può praticare chi soffre di ernia del disco?
Fitness

L’ernia del disco viene definita come una fuoriuscita di materiale discale dai normali margini dello spazio del disco intervertebrale, che determina la comparsa di dolore, disturbi sensitivi e motori. Chi soffre di questo disturbo deve sapere che la migliore prevenzione delle alterazioni posturali del rachide è il movimento. Ma quale attività fisica può praticare in sicurezza chi soffre di questo disturbo? Lo abbiamo chiesto ad un ortopedico: ecco cosa ci ha detto.