Benessereblog Benessere Dormire bene Andare a scuola più tardi: i benefici che non ti aspettavi

Andare a scuola più tardi: i benefici che non ti aspettavi

Entrare più tardi a scuola migliora la vita degli studenti, e non solo. Ecco cosa emerge da un nuovo studio.

Andare a scuola più tardi: i benefici che non ti aspettavi

Entrare più tardi a scuola migliora la vita degli studenti. Questo è ciò che è emerso da un nuovo studio pubblicato su un supplemento della rivista Sleep, i cui autori spiegano che ritardare gli orari di inizio delle scuole medie e superiori comporta un aumento della durata del sonno per gli adolescenti, ed un conseguente miglioramento della qualità della vita e della loro salute fisica e psicologica.

Nell’autunno del 2017, il Cherry Creek School District di Greenwood Village, in Colorado, ha ritardato gli orari di inizio delle scuole medie di 50 minuti (passando dalle 8 alle 8:50) e delle scuole superiori di 70 minuti (passando dalle 7:10 del mattino alle 8:20).

I risultati dimostrano che un anno dopo tale cambiamento, il sonno auto-riferito dagli studenti delle scuole medie era di 31 minuti più lungo per notte, e di 48 minuti in più per gli studenti delle scuole superiori.

Lo studio ha anche rilevato che la percentuale di studenti che hanno riferito di sentirsi troppo assonnati per fare i compiti è diminuita dopo che l’inizio della scuola è stato posticipato (passando dal 46% al 35% per gli studenti delle scuole medie, e dal 71% al 56% per quelli delle scuole superiori).

I risultati di questo studio sono importanti perché dormire abbastanza è fondamentale per lo sviluppo degli adolescenti, la salute fisica, l’umore e il successo accademico. È importante considerare che questo cambiamento di politica, fondamentale per la salute e il benessere degli studenti, ha un impatto anche sugli altri membri della comunità scolastica.

via | Eurekalert
Foto da Pixabay

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Si può usare il retinolo in gravidanza?
Gravidanza

E’ possibile utilizzare cosmetici con retinolo in gravidanza? Molte future mamme alle prese con discromie, acne e altri problemi cutanei potrebbero porsi questa domanda. La risposta breve è che, durante la gravidanza, è meglio evitare il retinolo e, ancor più, i retinoidi, e optare per alternative sicure per la mamma e per il bambino.