Benessereblog Salute Un ambiente di lavoro negativo aumenta il rischio di depressione

Un ambiente di lavoro negativo aumenta il rischio di depressione

Un ambiente di lavoro negativo aumenta il rischio di depressione

Un ambiente di lavoro negativo e tossico aumenta il rischio di depressione per i dipendenti. A rivelarlo è un nuovo studio condotto dall’Università del South Australia e pubblicato oggi sul British Medical Journal. Gli autori hanno infatti scoperto che i lavoratori a tempo pieno impiegati in organizzazioni che non danno priorità alla salute mentale dei propri dipendenti corrono un rischio tre volte maggiore di ricevere una diagnosi di depressione.

Già precedenti ricerche avevano rivelato che lavorare per troppe ore e in ambienti tossici può aumentare il rischio di infarto e ictus.

Il nuovo studio conferma adesso che richieste eccessive, scarsa attenzione nei confronti dei dipendenti, frequenti episodi di bullismo sul posto di lavoro e una scarsa autonomia sono collegati anche a maggiori rischi per la salute mentale.

Cosa rischia chi lavora in un ambiente negativo?

Le prove mostrano che le aziende che non riescono a premiare o riconoscere i loro dipendenti per il duro lavoro, impongono richieste irragionevoli ai lavoratori e non danno loro autonomia, stanno esponendo il loro personale a un rischio molto maggiore di depressione.

Il rischio di esaurimento emotivo sembra essere ancor maggiore per gli uomini che non vedono rispettato e riconosciuto il loro sforzo sul posto di lavoro.

Ma quali sono le conseguenze di un ambiente di lavoro negativo? Gli autori fanno sapere che i costi del bullismo e dell’ambiente tossico in ufficio, in azienda o più in generale sul posto di lavoro, sono molto elevati.

Tali costi si manifestano soprattutto in problemi come assenteismo, scarso impegno lavorativo, frequenti congedi per stress e una bassa produttività.

Alti livelli di esaurimento dei lavoratori sono estremamente costosi per le organizzazioni. E’ chiaro che è necessario un cambiamento organizzativo di alto livello per affrontare il problema.

Le aziende dovrebbero quindi prestare molta più attenzione alla salute mentale dei dipendenti, sia per il loro bene che per il bene della società.

via | Eurekalert
Foto di www_slon_pics da Pixabay

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social