Benessereblog Alimentazione Alimenti che aiutano a controllare la pressione arteriosa

Alimenti che aiutano a controllare la pressione arteriosa

L’ipertensione arteriosa è una disagio comune a molti ma si può arginare con l’alimentazione, aiutandosi con cibi che aiutano a controllarne l’impatto sul sistema cardiovascolare. L’intervento deve essere attuato su più fronti, dalla riduzione del sale ad un po’ di sana attività fisica, al mantenimento di una buona idratazione.L’acqua, infatti, è al primo posto della […]

Alimenti che aiutano a controllare la pressione arteriosa

L’ipertensione arteriosa è una disagio comune a molti ma si può arginare con l’alimentazione, aiutandosi con cibi che aiutano a controllarne l’impatto sul sistema cardiovascolare. L’intervento deve essere attuato su più fronti, dalla riduzione del sale ad un po’ di sana attività fisica, al mantenimento di una buona idratazione.

L’acqua, infatti, è al primo posto della lista, anche se non può considerarsi un vero e proprio alimento. Un buon consumo d’acqua che aiuti a mantenersi idratati favorisce la buona circolazione.

L’olio d’oliva per la qualità degli acidi grassi essenziali ha un effetto antinfiammatorio e contribuisce a mantenere le arterie sane, scongiurando il pericolo di colesterolo alto e difficoltà di transito del flusso sanguigno, con conseguente aumento della pressione.

La frutta secca è anch’essa ricca di acidi grassi essenziali favorevoli al benessere ma anche di antiossidanti. È capace di agire sui livelli di colesterolo e mantenere bassa la pressione arteriosa.

Infine, frutta e verdure fresche per il loro alto contenuto d’acqua e di valori nutritivi preziosi come fibre, minerali e vitamine sono un aiuto importantissimo a tavola, non solo per la circolazione ma per il benessere in generale.

Foto | Flickr

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Il caffè fa male ai reni?
Nutrizione

Il caffè non fa male ai reni se consumato con moderazione. L’assunzione eccessiva di caffeina, presente nel caffè e in altre bevande, può contribuire ad aumentare la pressione sanguigna, un fattore dannoso per la salute renale. Tuttavia, fino ad oggi, non ci sono prove scientifiche che suggeriscano una controindicazione al consumo moderato di caffeina (2-3 tazzine di caffè al giorno) per soggetti sani o con malattie renali. Con le dovute eccezioni in caso di anziani, bambini e non solo.