Benessereblog Salute Alimentazione: per ridurre il rischio di cancro, gli integratori non bastano

Alimentazione: per ridurre il rischio di cancro, gli integratori non bastano

Alimentazione o integratori alimentari? Qual è la scelta migliore per proteggere la salute?

Alimentazione: per ridurre il rischio di cancro, gli integratori non bastano

Un adeguato apporto di alcuni nutrienti è associato a una riduzione della mortalità per tutte le cause, ma solo quando la fonte di nutrienti è il cibo, e non gli integratori. A suggerirlo è un nuovo studio pubblicato sulla rivista Annals of Internal Medicine, i cui autori spiegano che non esiste alcuna associazione tra l’uso di integratori alimentari e un minor rischio di morte.

Per il loro studio, gli autori hanno utilizzato i dati provenienti da oltre 27.000 adulti over 20, ed hanno valutato se un’adeguata assunzione di nutrienti fosse associata a un minor rischio di morte, e se l’assunzione di cibo rispetto agli integratori avesse effetto su tale associazione.

Esaminando i dati, gli esperti hanno scoperto che assunzioni adeguate di vitamina K e magnesio erano associate a un minor rischio di morte, e lo stesso vale per l’assunzione adeguata di vitamina A, vitamina K e zinco, che era associata a un minor rischio di morte per malattia cardiovascolare. L’assunzione eccessiva di calcio era invece associata ad un più alto rischio di morte per cancro.

Quando sono state valutate le fonti di assunzione dei nutrienti (cibo o integratori alimentari), i ricercatori hanno scoperto che ad avere effetti benefici nella riduzione del rischio di mortalità sarebbero le sostanze assunte attraverso l’alimentazione, e non quelle assunte con gli integratori.

Il team ha inoltre scoperto che l’assunzione di integratori di vitamina D da parte di individui che non hanno una carenza di tale vitamina può essere associata ad un maggior rischio di morte per tutte le cause, incluso il cancro.

via | ScienceDaily

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Oggi è la Giornata Internazionale della Malattia di Chagas
Malattie

Oggi ricorre la Giornata Internazionale della Malattia di Chagas, una giornata di sensibilizzazione che mira a far conoscere questa pericolosa infezione. La malattia di Chagas, anche nota con il nome di tripanosomiasi americana, è molto diffusa nei Paesi dell’America Latina, ma rappresenta sempre più un problema di portata globale. Vediamo come avviene il contagio e quali sono gli obiettivi del World Chagas Disease Day 2023.