Benessereblog Alimentazione Alimentazione e yoga, cosa portare in tavola?

Alimentazione e yoga, cosa portare in tavola?

La pratica dello yoga richiede equilibrio anche a tavola e il giusto intervallo tra un pasto e l'altro.

Alimentazione e yoga, cosa portare in tavola?

La pratica dello yoga richiede equilibrio anche a tavola e il giusto intervallo tra un pasto e l’altro.

La seduta di yoga dovrebbe essere eseguita ad almeno 3 ore di distanza dall’ultimo pasto. Quindi meglio praticare a stomaco vuoto.

Unica eccezione, una spremuta oppure un caffè.  Tutto questo perchè alcune posizioni yoga presuppongono una certa pressione sugli organi addominali e questo può creare disagio e fastidio.

Ma cosa bisogna portare in tavola regolarmente se si pratica yoga?

Alla mattina bere un bicchiere di acqua tiepida con succo di limone e miele e poi dedicarsi allo yoga assumendo circa 30 minuti dopo un bicchiere di latte caldo.

Se lo yoga viene praticato la sera è bene a pranzo preferire cibi facilmente digeribili come le zuppe vegetali, la frutta e la verdura. Da evitare carne, fritti e frumento.

Anche nei giorni in cui non si pratica yoga è bene mantenere un’alimentazione equilibrata di tipo vegetale.

 

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Cosa deve e non deve mangiare chi ha l’anemia mediterranea
Malattie

Chi ha l’anemia mediterranea, anche in base alla gravità della patologia del sangue, che è ereditaria e può essere trasmessa ai propri figli, deve prestare massima attenzione agli alimenti ricchi di ferro, per evitare accumuli. Il ferro è presente in alimenti di tipo animale e di tipo vegetale, anche se l’assorbimento è maggiore nei primi rispetto ai secondi e varia anche in base alle condizioni di salute di ogni paziente.