Benessereblog Salute Acne: fattori di rischio e cure

Acne: fattori di rischio e cure

Che cos’è l’acne, la malattia della pelle che maggiormente infastidisce i ragazzi creando pustole anche dolorose sul viso.

Acne: fattori di rischio e cure

L’acne è una malattia che spesso inizia durante l’adolescenza e molto spesso si protrae anche oltre i 30 anni. Di norma colpisce soprattutto il viso e la parte altra del tronco (soprattutto spalle e decolleté) con punti neri e punti bianchi (comedoni), papule e pustole e talvolta noduli. Quali sono i fattori di rischio?

  • Gli ormoni nella fase dell’adolescenza
  • Il ciclo mestruale
  • Ereditarietà
  • L’uso di alcuni farmaci, come corticosteroidi,androgeni, anabolizzanti, gonadotropine, ma anche vitamine del gruppo B, litio, antidepressivi, anticonvulsivanti;
  • L’uso di alcuni cosmetici conteneti vasellina, paraffina semifluida, olii vegetali, prodotti oleosi occludenti;
  • La sudorazione
  • L’obesità e il sovrappeso
  • Alimentazione grassa
  • Fumo

Ci sono diverse novità terapeutiche:

  • l’impiego di farmaci contenenti associazioni di retinoidi e benzoilperossido, retinoidi e clindamicina;
  • l’impiego di prodotti in grado di colpire il Propionibacterium acnes all’interno del biofilm che rappresenta una sua naturale protezione;
  • l’uso (sotto controllo dermatologico) di isotretinoina orale;
  • la possibilità di utilizzare la terapia fotodinamica. In alcuni casi (ma solo in ragazzi/e sovrappeso o obesi) può essere utile uno screening metabolico per valutare un’eventuale insulinoresistenza.

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Quale attività fisica può praticare chi soffre di ernia del disco?
Fitness

L’ernia del disco viene definita come una fuoriuscita di materiale discale dai normali margini dello spazio del disco intervertebrale, che determina la comparsa di dolore, disturbi sensitivi e motori. Chi soffre di questo disturbo deve sapere che la migliore prevenzione delle alterazioni posturali del rachide è il movimento. Ma quale attività fisica può praticare in sicurezza chi soffre di questo disturbo? Lo abbiamo chiesto ad un ortopedico: ecco cosa ci ha detto.