Benessereblog Alimentazione Usi e benefici dell’olio di cocco

Usi e benefici dell’olio di cocco

Scopriamo usi e benefici anche a tavola dell'olio di cocco, con proprietà inattese e ancora poco note.

Usi e benefici dell’olio di cocco

L’olio di cocco lo usate solo in spiaggia per favorire la tintarella e mantenere pelle e capelli idratati sotto il sole? Rivalutatene le proprietà perché potrebbero sorprendervi. Pur avendo un alto contenuto di grassi considerati poco salutari potrebbe trovare un uso anche sulle nostre tavole. Addirittura, dice qualche naturopata, persino essere utile per chi desidera dimagrire.

Quando scegliete l’olio di cocco per la tavola assicuratevi che non sia raffinato e sia privo di odore. Essendo composto da acidi grassi di origine vegetale non influisce sui livelli di colesterolo, ma anzi risulta utile perché naturale e organico. Contiene infatti elementi come l’acido laurico che agisce sul sistema immunitario e l’acido caprico che ha mostrato di avere effetti antivirali.

Per quanto riguarda le calorie sono simili a quelle contenute in altri oli vegetali. Secondo uno studio pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition addirittura potrebbe avere ottimi benefici sull’ipotiroidismo e sul metabolismo dei grassi. Pare che un noto nutrizionista abbia inserito l’olio di cocco nella dieta dei giocatori di rugby della nazionale inglese perché aiuta a bruciare i grassi favorendo la costruzione muscolare. Incredibile, vero? Vari studi però lo hanno dimostrato.

Via | Vitadelia

Foto | Flickr

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Il caffè fa male ai reni?
Nutrizione

Il caffè non fa male ai reni se consumato con moderazione. L’assunzione eccessiva di caffeina, presente nel caffè e in altre bevande, può contribuire ad aumentare la pressione sanguigna, un fattore dannoso per la salute renale. Tuttavia, fino ad oggi, non ci sono prove scientifiche che suggeriscano una controindicazione al consumo moderato di caffeina (2-3 tazzine di caffè al giorno) per soggetti sani o con malattie renali. Con le dovute eccezioni in caso di anziani, bambini e non solo.