Benessereblog Benessere Tumore al seno, al via Race for the Cure 2014

Tumore al seno, al via Race for the Cure 2014

La prima tappa è Roma. Seguiranno quelle di Bari e, in autunno, Bologna

Tumore al seno, al via Race for the Cure 2014

Torna anche quest’anno la Race for the Cure, la corsa di solidarietà nei confronti delle donne che devono affrontare un tumore al seno che ha un duplice scopo: sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della prevenzione e raccogliere fondi da destinare a varie iniziative nell’ambito della prevenzione e della cura del tumore al seno.

Organizzata come ogni anno da Susan G. Komen Italia, organizzazione senza scopo di lucro basata sul volontariato e primo affiliato europeo della più grande istituzione internazionale impegnata nella lotta ai tumori del seno da più di 30 anni – la Susan G. Komen for the Cure di Dallas – l’evento ha come prima tappa Roma, dove da oggi, 16 maggio, a domenica 18 una vera e propria tre giorni tre giorni di salute, sport e benessere animerà i resti del Circo Massimo. Le altre due edizioni in programma si svolgeranno a Bari, in Piazza Diaz, il 23-144 e 25 maggio, e a Bologna, presso i Giardini Margherita, il 26-27 e 28 settembre.

La manifestazione è aperta a tutti e per iscriversi è possibile collegarsi al sito dell’associazione per scegliere tra le varie possibilità di pagamento. I fondi raccolti da Komen Italia dal 2000 ad oggi attraverso Race for the Cure – più di 2 milioni e 150 mila euro – sono stati utilizzati per realizzare 245 progetti propri e di altre associazioni, tra cui l’acquisto di apparecchiature per la diagnosi e la cura dei tumori al seno, programmi di educazione alla prevenzione per donne sane e studenti, corsi di aggiornamento per operatori sanitari e servizi clinici per il recupero del benessere psicofisico delle donne operate.

Nel 2013 l’edizione romana, con un pubblico di circa 55 mila persone, si è confermata come quella di maggior successo tra le oltre 150 organizzate da Komen in tutto il mondo. Unendo i partecipanti alle edizioni di Bari e di Bologna il numero degli iscritti ha superato quota 80 mila.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Via | Komen Italia

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Perché si dice rosso di rabbia?
Psicologia

La rabbia può essere un’emozione positiva e utile, se espressa in modo appropriato. Ma quando ci lasciamo prendere la mano, può accadere che tale sentimento prenda il sopravvento, con tutte le prevedibili conseguenze che comporta. Tra le sue manifestazioni c’è anche il rossore del viso: in questo articolo ci preoccupiamo di spiegare scientificamente perché questo accade ed il significato che si cela dietro la frase “rosso di rabbia”.