Benessereblog Salute Terapie e Cure Sonno, dormire su un fianco riduce il rischio di Alzheimer?

Sonno, dormire su un fianco riduce il rischio di Alzheimer?

Sonno, dormire su un fianco riduce il rischio di Alzheimer?

Guarda la galleria: Dormire su un fianco protegge la salute del cervello

Sonno – Dormire su un fianco tiene alla larga il rischio di malattie neurodegenerative come l’Alzheimer e il Parkinson. A suggerirlo è una nuova ricerca pubblicata sul The Journal of Neuroscience e condotta dai membri della Stony Brook University, secondo cui la posizione in cui si dorme influenzerebbe la capacità del cervello di eliminare i prodotti di scarto. I ricercatori suggeriscono dunque che dormire in posizione laterale – rispetto a dormire a pancia in giù o sulla schiena – sembra aiutare il cervello a rimuovere in modo più efficace i prodotti di scarto, e a ridurre quindi il rischio di sviluppare malattie neurodegenerative.

Per giungere a questa conclusione, gli esperti hanno analizzato l’attività del sistema glinfatico (ovvero il sistema di rimozione delle sostanze di scarto nel sistema nervoso centrale) su un campione di roditori, sui quali è stata effettuata una risonanza magnetica (MRI) mentre dormivano in tre posizioni: laterale, prona e in posizione supina.

Lo studio dei dati ha fatto emergere che il sistema glinfatico lavora in maniera più efficace quando i roditori dormono su un fianco, rispetto a quando dormono sulla schiena o a pancia in giù.

via | MedicalNewsToday

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare