Benessereblog Benessere Dormire bene Profumo di rosa per fare sonni tranquilli

Profumo di rosa per fare sonni tranquilli

Quello che annusiamo influenza il nostro sonno, in quanto l’olfatto è legato alle emozioni. Questi gli esiti di un esperimento condotto nell’università di Mannheim, che ha dimostrato che la piacevolezza dei nostri sogni e quindi di un sonno sereno, può essere influenzato dall’odore dell’ambiente in cui riposiamo.L’esperimento si è basato su un gruppo di 15 […]

Profumo di rosa per fare sonni tranquilli

Quello che annusiamo influenza il nostro sonno, in quanto l’olfatto è legato alle emozioni. Questi gli esiti di un esperimento condotto nell’università di Mannheim, che ha dimostrato che la piacevolezza dei nostri sogni e quindi di un sonno sereno, può essere influenzato dall’odore dell’ambiente in cui riposiamo.

L’esperimento si è basato su un gruppo di 15 donne addormentate in una stanza con fragranza di rosa. Una volta svegliate, tutte hanno raccontato di aver fatto un buon sonno e sogni gradevoli. La prova è stata poi ripetuta con odore di uova marce, ed i sogni sono diventati ansiosi e angoscianti.

Ma non è la prima volta che la rosa ci mostra i suoi benefici notturni. Un’altra ricerca, sempre tedesca, aveva già dimostrato che gli stimoli olfattivi, durante il sonno profondo, aiutano il consolidamento dei ricordi. Gli studiosi, infatti, hanno notano un netto miglioramento nei test di memoria dei soggetti che la sera prima avevano dormito in una stanza impregnata di fragranza di rosa.

Foto | alfaneque

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Perché si dice rosso di rabbia?
Psicologia

La rabbia può essere un’emozione positiva e utile, se espressa in modo appropriato. Ma quando ci lasciamo prendere la mano, può accadere che tale sentimento prenda il sopravvento, con tutte le prevedibili conseguenze che comporta. Tra le sue manifestazioni c’è anche il rossore del viso: in questo articolo ci preoccupiamo di spiegare scientificamente perché questo accade ed il significato che si cela dietro la frase “rosso di rabbia”.