Benessereblog Salute Terapie e Cure Intolleranza al lattosio: un nuovo metodo per combatterla

Intolleranza al lattosio: un nuovo metodo per combatterla

Siete allergici al latte e non potete mangiare latticini? Forse vi interesserà conoscere questo nuovo metodo per combattere l'intolleranza al lattosio

Intolleranza al lattosio: un nuovo metodo per combatterla

Come tanti bambini, da piccola ero intollerante al lattosio e per un po’ di tempo ho dovuto ripiegare sul latte di soia. Nel mio caso per fortuna dopo qualche anno la condizione si è sistemata da sola, ma ci sono comunque alcune persone che continuano ad essere allergiche al latte anche da adulte. Sembra però che questa intolleranza – che si manifesta con disturbi gastrointestinali – possa essere combattuta introducendo gradualmente nella dieta cibi cotti al forno che contengono del latte, come i muffin, i biscotti o le torte.

Il Jaffe Food Allergy Institute del Mount Sinai School of Medicine ha infatti condotto un esperimento su 88 soggetti tra i 2 e i 17 anni diagnosticati con intolleranza al lattosio. All’inizio è stato loro detto di consumare prodotti contenenti latte cucinati al forno in quanto questo tipo di cottura cambia la struttura delle proteine del latte, riducendo così la loro allergenicità. Questi prodotti sono stati poi gradualmente rimpiazzati nel corso di cinque anni da cibi in cui il latte era stato scaldato a temperature minori, favorendo così lo sviluppo di una tolleranza.

Pare che questo metodo abbia funzionato per molti: più della metà dei soggetti ha infatti dimostrato di essersi liberata dall’intolleranza al lattosio grazie all’esperimento. Ed il consumo di latte fresco scremato, yoghurt e gelato per loro non è stato più un problema.

Via | Science Daily

Foto | Flickr

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pleurite: i sintomi da riconoscere subito
Malattie

La pleurite è un’infiammazione della pleura, una sottile membrana che riveste la cavità toracica e i polmoni. I sintomi più comuni sono dolore al petto, che può peggiorare con la tosse o con la respirazione profonda, e difficoltà respiratorie. Altri sintomi possono includere febbre, sudorazione notturna ed affaticamento. La pleurite può essere causata da un’infezione, come la polmonite, o da una malattia autoimmune. Alla comparsa dei primi segnali è opportuno contattare immediatamente il medico.