Benessereblog Alimentazione Il brodo di pollo aiuta davvero a combattere il raffreddore?

Il brodo di pollo aiuta davvero a combattere il raffreddore?

Bere un brodo di pollo aiuta davvero a combattere il raffreddore? Ecco cosa emerge da un nuovo studio.

Il brodo di pollo aiuta davvero a combattere il raffreddore?

Bere un brodo di pollo caldo aiuta davvero a combattere il raffreddore? A cercare di rispondere a questa domanda sono stati i membri della University of Nebraska, i quali hanno cercato di scoprire se è vero che il brodo di pollo può alleviare i sintomi delle infezioni alle vie respiratorie superiori. Per esaminare la questione gli esperti hanno analizzato gli effetti della zuppa della nonna (preparata con pollo, cipolle, patate dolci, pastinaca, rape, carote, gambi di sedano, prezzemolo, sale e pepe), ed hanno constatato che questa sarebbe effettivamente in grado di aumentare la presenza nel sangue di anticorpi neutrofili, che difendono il corpo dalle infezioni.

Gli esperti spiegano che la riduzione dei neutrofili nel sangue è collegata alla riduzione delle barriere difensive del tratto respiratorio, e ciò è quindi a sua volta collegato a un rischio maggiore di soffrire di infezioni del tratto respiratorio superiore.

Il brodo di pollo contiene dunque agenti anti-infiammatori, ma non solo. Dallo studio emerge infatti che l’aroma, le spezie e il calore della zuppa possono eliminare la congestione causata dal comune raffreddore. Gli esperti spiegano che la zuppa può regalare anche una sensazione di benessere psicologico e fisico, ma sottolineano che non sono ancora stati in grado di identificare gli esatti ingredienti della zuppa che aiutano a combattere il raffreddore. Probabilmente si tratta di una combinazione di ingredienti che insieme hanno degli effetti benefici per la salute.

La zuppa di pollo – anche quella acquistata al supermercato – contiene verdure ricche di fibre, vitamina C e antiossidanti, e berne una ciotola può stimolare il sistema immunitario e aiutare a combattere i sintomi del raffreddore.


via | DailyMail

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Pleurite: i sintomi da riconoscere subito
Malattie

La pleurite è un’infiammazione della pleura, una sottile membrana che riveste la cavità toracica e i polmoni. I sintomi più comuni sono dolore al petto, che può peggiorare con la tosse o con la respirazione profonda, e difficoltà respiratorie. Altri sintomi possono includere febbre, sudorazione notturna ed affaticamento. La pleurite può essere causata da un’infezione, come la polmonite, o da una malattia autoimmune. Alla comparsa dei primi segnali è opportuno contattare immediatamente il medico.