Benessereblog Benessere Depuriamoci col linfodrenaggio

Depuriamoci col linfodrenaggio

Siamo ancora in tempo per depurarci prima di partire per le vacanze? La risposta è affermativa. L’importante è attuare un programma d’urto, associando l’utilizzo di tisane e piante medicinali a dei trattamenti cosmetici disintossicanti mirati.Tra le varie forme di massaggio disintossicante, c’è il linfodrenaggio, tecnica affermatasi negli anni Trenta, in Francia ed attualmente sfruttata dappertutto. […]

Depuriamoci col linfodrenaggio

Siamo ancora in tempo per depurarci prima di partire per le vacanze? La risposta è affermativa. L’importante è attuare un programma d’urto, associando l’utilizzo di tisane e piante medicinali a dei trattamenti cosmetici disintossicanti mirati.

Tra le varie forme di massaggio disintossicante, c’è il linfodrenaggio, tecnica affermatasi negli anni Trenta, in Francia ed attualmente sfruttata dappertutto. Dalla parola stessa, possiamo capire l’essenza di questa tecnica: drenare la linfa, cioè agire direttamente sulla via linfatica, favorendo il flusso della linfa dalla periferia in cui avviene l’accumulo di tossine, al cuore e poi ai reni, da cui possono essere eliminate.

I massaggi depurativi, in generale, prevedono delle manovre di frizione alternate a delle manovre di impastamento. In un trattamento depurativo, il linfodrenaggio dovrebbe essere effettuato tre volte alla settimana, per 3-4 settimane. La durata di ogni seduta è di circa un’ora.

Foto | Flickr

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Perché si dice rosso di rabbia?
Psicologia

La rabbia può essere un’emozione positiva e utile, se espressa in modo appropriato. Ma quando ci lasciamo prendere la mano, può accadere che tale sentimento prenda il sopravvento, con tutte le prevedibili conseguenze che comporta. Tra le sue manifestazioni c’è anche il rossore del viso: in questo articolo ci preoccupiamo di spiegare scientificamente perché questo accade ed il significato che si cela dietro la frase “rosso di rabbia”.