Benessereblog Benessere Come stendere per bene una crema anticellulite

Come stendere per bene una crema anticellulite

Abbiamo già detto tante, tante e tante volte quali sono e come agiscono i principi attivi che si ritrovano nelle creme per gli inestetismi della cellulite. Oggi invece vi darò dei consigli pratici per far sì che la crema o lozione che sia venga applicata nel modo migliore, per potenziare gli effetti del cosmetico stesso.Bastano […]

Come stendere per bene una crema anticellulite

Abbiamo già detto tante, tante e tante volte quali sono e come agiscono i principi attivi che si ritrovano nelle creme per gli inestetismi della cellulite. Oggi invece vi darò dei consigli pratici per far sì che la crema o lozione che sia venga applicata nel modo migliore, per potenziare gli effetti del cosmetico stesso.

Bastano solo pochi minuti ed un po’ d’attenzione in più e si possono ottenere dei risultati più visibili; il massaggio mentre si applica la crema anticellulite attiva, infatti, la circolazione sanguigna e linfatica, migliorando gli scambi cellulari e facilitando l’eliminazione delle tossine. E’ importante eseguirlo con regolarità, almeno una volta al giorno, per un paio di minuti, e procedendo dal basso verso l’alto.

Iniziate con leggeri sfioramenti con il palmo della mano e proseguite poi con delicati impastamenti delle dita, da evitare però nelle zone in cui i capillari sono visibili. Sui glutei procedete invece con un massaggio con le nocche, in senso circolare e dal basso verso l’alto.

Foto | Flickr

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Perché si dice rosso di rabbia?
Psicologia

La rabbia può essere un’emozione positiva e utile, se espressa in modo appropriato. Ma quando ci lasciamo prendere la mano, può accadere che tale sentimento prenda il sopravvento, con tutte le prevedibili conseguenze che comporta. Tra le sue manifestazioni c’è anche il rossore del viso: in questo articolo ci preoccupiamo di spiegare scientificamente perché questo accade ed il significato che si cela dietro la frase “rosso di rabbia”.