Benessereblog Salute Malattie Si può mangiare prima del tampone Covid?

Si può mangiare prima del tampone Covid?

Si può mangiare prima del tampone Covid?

Si può mangiare prima del tampone Covid? Molte persone che si accingono a sottoporsi a questo genere di esame si saranno di certo poste almeno una volta una simile domanda. Sappiamo ad esempio che, prima di sottoporci alle analisi del sangue di routine, bisogna evitare di mangiare per almeno 8/12 ore. Ma qual è la giusta preparazione al tampone per il Covid? Bisognerà rimanere a digiuno prima dell’esame o è possibile mangiare?

Ebbene, la risposta a questa domanda è molto semplice: prima del tampone è meglio rimanere a digiuno, ma solamente per una questione “pratica”. Considerando il tipo di procedura, potreste infatti avvertire una sgradevole sensazione di nausea e vomito.

Come si esegue il tampone?

Il tampone orofaringeo viene eseguito inserendo un bastoncino (molto simile a un lungo cotton fioc) all’interno del naso e nella gola. In questo modo sarà possibile prelevare il materiale necessario per ricercare la presenza del virus SARS-CoV-2.

Come è facilmente comprensibile, la sensazione che può dare un cotton fioc in gola non è esattamente piacevole, e potrebbe generare un senso di nausea e – nelle persone più sensibili – persino una sensazione di vomito. In realtà non si tratta di un esame particolarmente invasivo o doloroso. L’esecuzione del test per il Covid dura generalmente non più di un paio di secondi, ma durante la procedura potreste comunque avvertire questa sgradevole e fastidiosa sensazione di nausea.

Si può mangiare prima del tampone Covid?

Ma quindi, per fare il tampone Covid bisogna essere a digiuno? Preferibilmente si, ma se non riuscite a proprio digiunare prima del test, gli esperti consigliano di consumare una colazione o un pasto leggero. La sensazione di fastidio dopo il tampone durerà poco tempo, e tenderà a sparire nell’arco di una manciata di minuti.

Per quanto riguarda il risultato dell’esame, normalmente il referto del tampone Covid viene reso noto circa due o tre giorni dopo l’esecuzione del test.

via | Asl3Liguria
Foto di Vesna Harni da Pixabay

Seguici anche sui canali social