Tè verde contro l’ipertensione: spiegati gli effetti benefici

Tè verde contro l’ipertensione: spiegati gli effetti benefici

Tè verde contro l'ipertensione: uno studio spiega il meccanismo che può migliorare la nostra salute e combattere la pressione alta

Bere tè verde e tè nero può migliorare la nostra salute in mille modi diversi. Studi recenti dimostrano ad esempio che alcuni composti presenti in queste due amatissime bevande possono aiutare a combattere l’ipertensione, rilassando i vasi sanguigni e attivando le proteine dei canali ionici nella parete dei vasi stessi. A riferirlo sono gli autori del nuovo studio condotto presso l’Università di California, Irvine.

Gli esperti spiegano che la loro scoperta potrebbe portare alla formulazione di nuovi trattamenti e nuovi farmaci per abbassare la pressione sanguigna.

I risultati della ricerca – pubblicata sulle pagine della rivista Cellular Physiology and Biochemistry – rivelano che in particolare due composti flavonoidi chiamati catechine (e più esattamente epicatechina gallato ed epigallocatechina-3-gallato) possono attivare ciascuno un tipo specifico di proteina del canale ionico KCNQ5, che consente agli ioni di potassio di diffondersi fuori dalle cellule per ridurre l’eccitabilità delle cellule.

Dal momento che KCNQ5 si trova nella muscolatura liscia che riveste i vasi sanguigni, la sua attivazione potrebbe rilassare i vasi sanguigni, riducendo il problema dell’ipertensione.

Tè verde: contro l’ipertensione, un aiuto dalla natura

Gli autori dello studio ricordano che attualmente circa un terzo della popolazione adulta in tutto il mondo soffre di ipertensione. A sua volta, questa condizione rappresenta un grave (ma modificabile) fattore di rischio per lo sviluppo di malattie cardiovascolari e per il pericolo di mortalità prematura. Per questo motivo è molto importante riuscire a identificare dei nuovi approcci per il trattamento dell’ipertensione.

Già in precedenza i ricercatori avevano scoperto gli effetti benefici del Tè verde contro l’ipertensione. Ebbene, a giocare un ruolo fondamentale sono proprio le catechine presenti in questa bevanda, che è considerata una delle più apprezzate e diffuse al mondo. Pensate che il tè è secondo solo all’acqua in termini di consumo.

via | ScienceDaily
Foto di Jill Wellington da Pixabay

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog