Salute: le 10 malattie per cui gli italiani hanno cercato un medico nel 2020

Salute: le 10 malattie per cui gli italiani hanno cercato un medico nel 2020

Scopri quali sono le malattie e i problemi di salute che hanno spinto gli italiani a cercare un medico si internet nel 2020

Non solo Covid: quali sono state le malattie e i problemi di salute che hanno preoccupato gli italiani nel 2020? Abbiamo da poco salutato definitivamente uno degli anni più turbolenti e complessi della storia moderna, un anno caratterizzato dalla pandemia da Covid-19, che ha radicalmente cambiato le nostre vite. Ma il Sars-Cov-2 non è stato il solo nemico della salute degli italiani nel 2020. A sottolinearlo ci hanno pensato gli esperti di Dottori.it, che hanno stilato un’interessante lista delle 10 patologie più ricorrenti fra coloro che hanno cercato un dottore online.

Fra i disturbi più comuni e frequenti vi sono senza dubbio quelli connessi alla pandemia e allo stile di vita imposto alla popolazione a causa dell’emergenza. Problemi alla schiena, dolore alle ginocchia, acne, cervicale infiammata: queste sono solo alcune delle patologie connesse al lockdown, all’uso di mascherine e ad altre regole giustamente imposte per limitare la diffusione del virus.

Ma vediamo dunque quali sono le 10 malattie che hanno spinto gli italiani a cercare un medico nel 2020!

Salute 2020: 10 malattie per cui gli italiani hanno cercato un medico

Dottore on line

  1. Disturbi della colonna vertebrale, spesso correlati proprio allo stile di vita sedentario che ha caratterizzato il 2020.
  2. Fibromialgia: si tratta di una malattia difficile da diagnosticare, che è caratterizzata da forti dolori muscolo-scheletrici e da un senso di affaticamento.
  3. Dolore al ginocchio: anche in questo caso si tratta di un altro effetto della sedentarietà causata dalla pandemia. Il lavoro da casa (ovvero il cosiddetto smart working) non lascia molto spazio allo svolgimento di attività fisiche, e questo può ripercuotersi sulla nostra salute generale.
  4. Infiammazione alla cervicale: il lavoro sedentario è una delle principali cause di questo fastidioso e doloroso disturbo.
  5. Ernia inguinale, spesso causata da una debolezza della parete addominale, che può essere congenita o accentuata a causa dello scarso tono muscolare.
  6. Vene varicose: in molti casi si tratta di un altro campanello d’allarme che indica che stiamo conducendo una vita troppo sedentaria.
  7. Endometriosi: questa condizione colpisce le donne, e causa dolori molto forti durante il periodo mestruale. Si tratta purtroppo di una malattia difficile da diagnosticare e da tenere sotto controllo.
  8. Malattie delle unghie e cambiamenti come alterazioni cromatiche, che possono celare un problema delle funzionalità dell’organismo.
  9. Acufene: il classico fischio all’orecchio può manifestarsi in maniera cronica e persistente. Il disturbo è spesso collegato ad alterazioni dell’udito, ma anche a problemi alla mandibola, a stress e altri fattori. In presenza di acufene persistente consultate il medico per identificare la causa del problema e il possibile trattamento.
  10. Acne: per finire, anche l’acne rappresenta uno dei problemi legati alla pandemia. In che modo? Semplice: l’utilizzo della mascherina può irritare la pelle e favorire la comparsa dei brufoli, ma non solo! In quarantena tendiamo a mangiare male e in modo sbilanciato, e ciò si ripercuote sulla nostra pelle, oltre che su tutto il corpo. Infine, ansia e e stress da Covid-19 possono favorire la comparsa dei brufoli e dell’acne.

Voi quale di questi disturbi avete sperimentato?
Foto di Bruno /Germany da Pixabay

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog