L’alcol aumenta il rischio di cancro?

L’alcol aumenta il rischio di cancro?

L’alcol aumenta il rischio di cancro? E quante bevande alcoliche possiamo bere senza correre rischi? Ecco cosa dobbiamo sapere

L’alcol aumenta il rischio di cancro? E quanto alcol si può bere al giorno? Quello del consumo di bevande alcoliche è un argomento molto importante e spesso altrettanto sottovalutato. Sin da giovanissimi, ragazzi e ragazze iniziano a bere alcolici. In realtà però il consumo di alcol non è una questione da prendere sottogamba. Medici e ricercatori di tutto il mondo sanno bene quanto sia importante bere con coscienza e moderazione.

Questo non solo perché le bevande alcoliche possono annebbiare le nostre capacità mentali e compromettere la coordinazione, ma anche perché possono aumentare il pericolo di sviluppare delle malattie, come ad esempio i tumori.

L’alcol aumenta il rischio di cancro

Tumori causati dall'alcol

La risposta alla nostra domanda purtroppo è si. In particolar modo, dagli studi condotti sui pazienti in tutto il mondo è emerso che i tumori causati dall’alcol sono:

A causare tali rischi sono tutti i tipi di bevande alcoliche, compresi il vino rosso e quello bianco, la birra, i cocktail e i liquori. L’effetto dell’alcol è dose dipendente, per cui più a lungo e maggiori quantità ne beviamo, più alto sarà il rischio di ammalarsi.

Per questa ragione gli esperti consigliano di bere solo in modo moderato. In particolar modo, i medici concordano nel consigliare al massimo un drink al giorno per le donne e non più di due al giorno per gli uomini.

Infine, se oltre a bere alcolici in modo eccessivo, avete anche il vizio del fumo, sarà il caso di smettere al più presto. Molti studi hanno infatti dimostrato chiaramente che l’abbinamento “alcol-sigaretta” aumenta il rischio di sviluppare alcuni tipi di tumori, come ad esempio quelli del cavo orale, il tumore alla laringe e quello alla faringe.

via | Cancer.Gov
Foto di Xavier Espinosa da Pixabay
Foto di Dmitriy Gutarev da Pixabay

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog