Così il sonno influenza il rischio di insufficienza cardiaca

Così il sonno influenza il rischio di insufficienza cardiaca

Rischio insufficienza cardiaca: qual è il ruolo del sonno? Probabilmente non ne eravate ancora a conoscenza, ma gli adulti che dormono meglio e in modo più sano corrono un rischio inferiore del 42% di soffrire di insufficienza cardiaca rispetto a coloro che dormono poco e male. Ad esaminare il legame fra modelli del sonno e […]

Rischio insufficienza cardiaca: qual è il ruolo del sonno? Probabilmente non ne eravate ancora a conoscenza, ma gli adulti che dormono meglio e in modo più sano corrono un rischio inferiore del 42% di soffrire di insufficienza cardiaca rispetto a coloro che dormono poco e male.

Ad esaminare il legame fra modelli del sonno e il rischio di soffrire di questo disturbo – noto anche con il nome di scompenso cardiaco – è un nuovo studio dell’American Heart Association Circulation, che ha preso in esame un totale di 408.802 partecipanti di età compresa tra 37 e 73 anni al momento del reclutamento, ovvero fra il 2006 e il 2010. I partecipanti sono stati seguiti per un periodo di follow up durato 10 anni.

Durante quell’arco di tempo, i ricercatori hanno individuato 5.221 casi di insufficienza cardiaca, ed hanno analizzato tali eventi in relazione alla qualità del sonno di ciascun partecipante.

Rischio insufficienza cardiaca e scarsa qualità del sonno: una relazione problematica

Per analizzare la qualità del sonno, gli esperti hanno preso in esame misure come:

  • Durata del sonno: breve (meno di 7 ore a notte), consigliata (da 7 a 8 ore) o prolungata (9 o più ore a notte).
  • Problemi come insonnia e russamento
  • Orario di risveglio al mattino (ovvero se il partecipante fosse mattiniero o nottambulo)
  • Sonnolenza diurna.

Ebbene, dalle analisi è emersa con grande chiarezza l’innegabile importanza del sonno nella prevenzione dell’insufficienza cardiaca. Lo studio rivela infatti che i partecipanti con modelli di sonno più sani registravano una riduzione del 42% del rischio di sviluppare tale disturbo rispetto alle persone con un modello di sonno poco sano.

Nonostante altre misure, non considerate nello studio, potrebbero aver influenzato i risultati, gli autori fanno notare che già in precedenza la qualità del sonno è risultata significativamente associata al rischio di scompenso cardiaco.

I nostri risultati sottolineano l’importanza di migliorare i modelli di sonno generali per aiutare a prevenire l’insufficienza cardiaca.

via | ScienceDaily
Foto di StockSnap da Pixabay

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog